L’amministratore di rete si occupa della gestione dei sistemi collegati in rete all’interno di una realtà aziendale e cerca di risolvere i problemi che possono presentarsi per fare in modo che la rete possa funzionare sempre alla perfezione, senza blocchi o rallentamenti di alcun tipo. Si tratta di una figura professionale che è oggi ricercata non solo dalle aziende di più grandi dimensioni, ma anche dalle aziende più piccole, dato che ogni realtà punta il tutto per tutto su digitalizzazione e virtualizzazione al fine di riuscire a rendere il proprio lavoro performante e al fine di ridurre notevolmente i propri costi.

L’amministratore di rete deve assumere sulle proprie spalle, attraverso un’adeguata formazione, competenze informatiche e di telecomunicazioni di altissimo livello. Deve infatti essere in grado di operare senza alcun tipo di difficoltà su ogni sistema operativo e deve conoscere alla perfezione database, sistemi di messaggistica, sistemi di monitoraggio. Ovviamente deve conoscere anche la lingua inglese, senza la quale, come di sicuro ben saprete, è impossibile pensare di intraprendere un percorso lavorativo nel settore IT. L’amministratore di rete deve poi essere flessibile, avere buone capacità di intuizione e di diagnosi e deve anche ovviamente saper comunicare con coloro che non hanno competenze tecniche, al fine di aiutare ogni comparto della realtà aziendale in cui opera a comprendere quali cambiamenti sta apportando e quali benefici è possibile riuscire ad ottenere.

Non è tutto, l’amministratore di rete deve aggiornarsi in continuazione. Dovete rendervi conto infatti che ogni più piccolo elemento che fa parte del settore IT è destinato a cambiare notevolmente anno dopo anno, un settore questo che infatti vive sempre sulle ali del progresso e che ogni anno diventa sempre più innovativo, tecnologico, all'avanguardia. Solo con un'adeguata formazione quindi coloro che si occupano di amministrare le reti possono garantire alle aziende le migliori performance possibili. Ed è proprio per questo che le aziende, prima di assumere qualcuno, controllano sempre che sia in possesso delle più nuove certificazioni. Tra le certificazioni che oggi come oggi un amministratore di rete deve necessariamente possedere, la VMware Certified Professional NSX Network Virtualization VCP-NV 2019.

Per accedere all’esame per il conseguimento di questa certificazione è fondamentale seguire un buon Corso VMware NSX. Si tratta di un corso di formazione che è pensato proprio per coloro che sono già ampi conoscitori di questo settore, in possesso infatti già di altre certificazioni come la Certificazione VMware VCP-DCV o la Certificazione Cisco CCNA. Il corso consente di scoprire come installare 
VMware NSX basato su VMware vSphere (NSX-v), sfruttandone tutte le potenzialità e funzionalità e implementandole come parte della piattaforma SDDC di VMware. Non solo installazione ovviamente, ma anche amministrazione, configurazione, risoluzione dei problemi. Come è facile capire non si tratta di un corso di formazione meramente teorico, ma anzi di un corso che mira a garantire il massimo della pratica possibile agli amministratori di rete. Oltre alla teoria, sono infatti previsti casi d’uso e l’accesso ai laboratori pratici da remoto, ogni giorno e 24 ore su 24. Così oltre a poter ottenere la migliore preparazione possibile per l’esame di certificazione, gli amministratori di rete hanno la possibilità di assumere davvero sulle proprie spalle le giuste competenze per fare carriera e per rendere il curriculum vitae affascinante agli occhi delle realtà aziendali che sono alla ricerca di nuovi dipendenti o collaboratori.

Ci teniamo a ricordare che i corsi VMware NSX non devono necessariamente essere seguiti in aula. Ci sono alcune realtà formative che infatti consentono di seguire questi corsi in modalità e-learning, con la possibilità quindi di essere presenti in aula insieme al docente e agli altri corsisti, ma da remoto. Si tratta di una vera e propria opportunità, non solo per coloro che vivono lontano da ogni possibile realtà formativa e che quindi avrebbero preclusa la possibilità di studiare adeguatamente, ma anche per tutti coloro che in un’aula non si sentono del tutto a loro agio e non riescono a concentrarsi, mentre tra le quattro mura domestiche, in un ambiente a loro del tutto consono, riescono a studiare davvero al meglio.

Lascia un commento