Choosing The Right Affiliate Programs For Your Site

Affiliate networking and marketing has gained a lot of popularity. There are tons of people all across the world who are now comfortably earning a lot of money each month with a successful affiliate network that they have established.

If you have been thinking about establishing your own affiliate network, then one of the most important things that you need to take into consideration is the kind of product that you pick to be your affiliates like our loan vendors, Try www.paydayloansdrive.co.uk. You need to remember that the products that you choose determine whether or not your affiliate network will be successful or whether you will be stuck promoting products that nobody is interested in buying.

There are tons of ways you can decide whether or not the products available on the various channels are worth investing your time and effort into or not. While there are a number of blogs that tell you to choose products
which are more popular, you need to remember that it’s not the popularity of a product that matters but the way you promote it and your understanding and experience in the product that is vital to the success of the selling
of the product.

Check Competition

If you are interested in a particular genre and there are a number of other people who are also interested in that same genre, there is a strong chance the competition for the product will be high. This does not mean that you
lose interest in promoting that particular product. All you need to do is spend a little more time in research and figure out the products that are similar in nature to it but not that popular with the other competitors.

Instead of focusing on larger brand like most affiliate marketers focus on, you may want to shift your focus to something that is just introduced into the market or a growing brand. There are a number of small businesses that
promise to be very successful in the near future. Getting affiliates with these businesses might prove to be more beneficial than trying to sell products for an already established brand.

Brands that have an established name in the market are tougher to sell because the competition for these brands is higher. Strong affiliate networks usually pick big brands which is why you should let them gobble up
the entire profit and put your attention elsewhere. Larger affiliate marketers will not focus on new brands mainly because they already know they are getting the attention from a larger brand and it will conflict with their current success.

When you choose smaller brands not only do you help the business of the smaller brand to grow, but you also increase the sales which mean that they will notice your affiliate network. When you sell a certain amount of
product for a company or a brand that is not very established in the market, they will increase the amount of interest to share with you on profit and this means that you will become one of the main affiliates.

Comparing The Right Industry

It is important for you to decide what kind of industry you are choosing. There is no denying that some of the best affiliate programs include gadgets which are always in demand and healthcare products. If you are looking for the best health affiliate programs then you should always focus on an affiliate company that is established in the market and has a reliable name.

It is not recommended to choose health care product that you are not completely confident about because at the end of the day health is something that really matters and if you start promoting a product that may or may not be as good as it claims to be your affiliate will lose its name and reputation. In order for you to start promoting health care products you need to do a lot of research and be confident about the product that you are promoting so you can sell it with ease and no guilt.

Healthcare products are always in demand and there is no denying that these products will never go out of demand even if the market is really bad. If you want to make sure that you have regular money coming in to your
affiliate network then choosing healthcare products is your safest bet.

Learning The Latest Marketing Techniques

It is important for you to understand what the market has to offer in terms of affiliate marketing so that you are able to promote your product in the best possible manner. While some networks choose email marketing to get the attention of their clients, other people use social media. Whatever method of promotion you are interested in, you need to make sure that you master it correctly so that you benefit from it a great deal. While there are various kinds of affiliate networks available you should always take your time to read reviews about these networks that you plan on choosing, because some affiliate networks may not be as trustworthy as the others.

The commission that you earn depends totally upon the affiliate network that you are associated with and even if you aren’t getting a very high commission you should not be disheartened because as long as the affiliate
network has a reputed name you can be rest assured that you will start earning good money and your earnings will continue to increase eventually.

The benefits of affiliate marketing are four fold and once you manage to establish a strong network there is no turning back from there. Not only do you get the freedom of exploring new grounds but you also have the
independence of working from whenever you want to and at a time that is most convenient to you. Like all other businesses it will take a while for you to establish a strong affiliate network but it’s important for you to
remember to stick to it and choose things that you truly believe in. Once you have got the right path all you need to do is work hard towards maintaining it and your affiliate network will grow stronger in no time.

5 Tips To Market Your Business Effectively

Businesses today have a tough time dealing with the competition that they have to face on a daily basis and it is very important for business owners to understand the importance of choosing the right marketing methods so that they can beat the competition and get ahead of them in the game. It is not only about promoting the products that you own. It is also about making people aware about the brand that is in existence so that your business not only becomes a name today but is recognized even when you do not spend too much money on promotional activities.

Unlike the earlier days where people needed to choose between a newspaper advertisement and pamphlets to promote. Today online promotion is something that people end up spending more time doing. While online promotions is vital to the success of your business, there are also other candidates that you should keep in mind so that you focus on complete business development and growth and you manage to promote your product in a way that ends up being very profitable for your business.

If you want to make sure that you are on the right path of marketing then it’s important for you to note down what is trending so that you can follow the steps effectively. Without marketing there is no way your business is going to grow or become successful, but any random marketing method may not work which is why you need to check the 5 tips that will help you market your business in the right way.

 

Focus On Online Promotions

 

Online promotion is an important method of promotion that you will be able to do. Not only are these affordable but they are the most effective promotional methods that you will find. The best part about online promotion is that it helps cover-up areas of your business and it allows you to promote it in a way that you think works best. There are different ways that you can promote your business online, but without research and information you will not be able to choose a method that will work well for your nature of business. In order for you to be able to promote your business well, you need to have the right kind of data as well as the right method of promotion. This is where data deduplication software comes into the picture.

There are different methods that you can try, and unless you experiment with a few you will never be able to decide which method works well. However, when you find a method that suits your business make sure to stick to it because at the end of the day this promotion will not only help you to increase your profit it will also help you to build a brand. Strong online presence is the key in becoming a successful business and the only way you will be able to establish a strong presence on life is with promotional activities that help your business gain the exposure that is required.

Online promotion is not limited to social media promotion. It also means focusing on SEO for your business website so that your business website will come to the first page of the search engine. Once this happens you will need to spend less money on promoting your business online and your leads will still increase quickly.

 

Offer Incentives

 

Promotion and marketing involves a lot of effort that you need to put in on your end and while there are various things that you can do in order to promote your business effectively you need to make sure that your employees are happy promoting it. While there are different things that you can do, offering incentives is definitely one of the most effective ways of encouraging and motivating your employees on a regular basis. Incentives do not necessarily have to be in the form of money. It can be anything that can increase your employee’s morale and make them want to work hard so it is something that will profit for your business. You can either get them a gift at the end of every week or the opportunity to get promoted after achieving a certain amount of sales or even a short holiday. No matter what incentive you are offering to them you need to make sure that you keep it systematic and even and it does not involve too much content. This is because employees tend to get attracted to certain kinds of incentive and once that incentive is not offered they tend to lose motivation. Having their name put up on the board or letting your employees know which of them was the best performer for the month are definite methods of encouraging and motivating them to compete with each other in a healthy manner.

 

Create A Strong Lead Generation Plan

 

There are various ways that you will be able to accumulate leads for your business, but you need to make sure that lead generation plan is strong so that you never fall short of leads accumulated for your business. Whether you continue online promotional activities or you choose to promote your business by advertisements all over the internet which will require some financial help, Try www.cashsharp.co.uk, you need to make sure that you always have new and freshly acquired leads to provide your employees so that they can get in touch with them whenever required.

 

Clean The Data

 

Data cleansing is one of the most important factors that every business needs to focus on. While it is important for you to collect data, you need to make sure that the data is clean and anything that is irrelevant or with error is removed from the system so that it does not affect your working process. This encourages your employees to compete on even ground and it ensures that they do not have to worry about coming across an irrelevant lead that will waste their time.

 

Try Out New Things

 

Technology is changing constantly and while some business owners are still stuck to old promotional methods the other ones are trying out new things. It is important for you to experiment and try different things if you want your business to succeed and become a brand one day. Whether you have just started out your business or you have been around for many years you need to make sure that your business is promoted in a way that is not only attractive to people, it also creates an impression in their mind.

Accessori per animali online: i più interessanti

Quando pensiamo agli accessori per animali, la nostra mente corre subito verso il collare, un accessorio che è utile, anzi potremmo dire indispensabile, e che allo stesso tempo consente anche di offrire al proprio cane un’estetica eccellente, cercando di mettere in risalto quelli che sono i tratti della sua personalità. È infatti possibile acquistare un romantico collare di colore rosa con strass se il vostro cane è delicato, femminile, sinuoso, se sembra amare tutto ciò che luccica. Potete acquistare invece un collare in pelle nera con borchie, se il vostro è un animale forte, determinato, con una spiccata personalità. Invece di fare affidamento su un negozio per animali fisico, provate a cercare gli accessori animali online. Scoprirete che i collari sono un accessorio quasi obsoleto e che esistono dei prodotti davvero curiosi, stravaganti e persino innovativi. Andiamo a scoprirne qualcuno insieme.

Lo sapevate ad esempio che sono disponibili in commercio delle scarpette per cani? Anche se a prima vista sembra un accessorio del tutto inutile, possiamo invece assicurarvi che non è affatto così, perché i cani oggi sono soliti seguire i loro padroni ovunque, anche quando fuori fa molto freddo, anche quando le strade sono lastricate di ghiaccio e neve. Le scarpette consentono di proteggere le zampe dei vostri amici animali, offrendo calore e la possibilità di non incorrere in geloni. Ovviamente è molto importante farle indossare soprattutto ai cani di piccola taglia, che sono infatti soliti soffrire il freddo in modo davvero intenso, oppure ai cuccioli.

Oltre alle scarpe, sono anche disponibili in commercio dei veri e propri calzini antiscivolo. Si tratta della soluzione ideale per i cani molto anziani che potrebbero incorrere in cadute accidentali piuttosto facilmente e che con calzini di questo genere invece hanno una presa eccellente sul pavimento di casa. Si tratta di una soluzione ideale anche nel caso in cui il vostro cane abbia una piccola ferita alla zampa, così che la ferita non si sporchi e non venga leccata in continuazione, possa guarire molto più facilmente.

Tra gli altri interessanti accessori per cani, dobbiamo sicuramente ricordare anche i cappottini, disponibili nella versione imbottita che consente di garantire al proprio cane il massimo calore possibile oppure nella versione leggera ideale per le giornate primaverili di pioggia o in cui tira un forte vento. Si tratta di un prodotto ideale ovviamente soprattutto per i cani di piccola taglia e più in generale per tutti i cani che hanno poco pelo e che tendono quindi a soffrire il freddo in modo particolarmente intenso.

Sì, di accessori per animali online ne esistono davvero innumerevoli, così che sia possibile per voi dare vita ad un vero e proprio guardaroba per il vostro amico a quattro zampe. Gli garantirete una maggiore benessere e anche un aspetto più bello e curato. Ma i costi? I prezzi degli accessori per cani variano davvero molto da marca a marca, ma possiamo assicurarvi che online non andrete mai a spendere un’esagerazione dato che il web è da sempre famoso per offrire costi concorrenziali e per mettere i prodotti in offerta in modo periodo.

Il successo strepitoso della prima giornata internazionale NASH spiana la strada per un’edizione promettente nel 2019

In seguito al grande successo della Prima Giornata Internazionale NASH tenutasi il 12 giugno 2018 e che ha scatenato enorme interesse a livello globale al di là delle 25 città ospite ed online, il NASH Education Program™ ha annunciato:

  • Si terrà una seconda edizione a giugno 2019, traendo vantaggio da questo successo inaugurale che ha raggiunto, e addirittura superato, gli obiettivi iniziali, stimolando un fortissimo interesse a livello medico, mediatico e politico.    
  • Un entusiasmo impressionante da parte delle organizzazioni non a scopo di lucro e da benefattori che questanno si sono uniti allampia coalizione internazionale, che servirà da base solida per la seconda edizione  
  • È stata anche ricevuta unelevata domanda da parte di altre organizzazioni nei confronti del NASH Education Program, che valuterà come meglio affidare la leadership globale di questo giorno speciale ad altre organizzazioni non a scopo di lucro per levento del prossimo anno

     (Logo: https://mma.prnewswire.com/media/658690/International_NASH_DAY_Logo.jpg )

     (Logo: https://mma.prnewswire.com/media/658691/NASH_Education_Program_Logo.jpg )

‘La risposta mondiale alla Giornata internazionale NASH è andata oltre le nostre massime aspettative, e ne siamo molto grati,’ ha affermato Pascaline Clerc, PhD, Responsabile per la campagna negli Stati Uniti di NASH Education Program. Ma questo primo convegno di massimi esperti a livello medico e di ricerca della Steatoepatite Non Alcolica (NASH), fornitori, pazienti e partecipanti del pubblico è solo il primo passo verso ciò che crediamo sarà un fenomeno globale in crescita che porta la potenza scientifica globale in un unico posto per affrontare pienamente e combattere questo assassino silente.’

Il NASH Education Program™, che ha lanciato, guidato e coordinato con successo l”impegno globale a favore di questa edizione prima nel suo genere, è orgoglioso dell”importanza raggiunta in termini di:

  • Numero di eventi di qualità organizzati a livello mondiale
  • Copertura mediatica
  • Coinvolgimento delle reti social
  • Dimensioni della coalizione internazionale formata in appena pochi mesi attorno all”evento

Secondo i parametri iniziali di misurazione relativi al lancio della primissima Giornata Internazionale NASH:

  • Più di 2000 seguitori sulle piattaforme digitali ufficiali acquisti in appena poche settimane, con più di 1.200.000 impression, in appena 1 giorno, per tweet pubblicati da NASH Education Program™
  • Più di 2 milioni di impression per gli hashtag ufficiali #NASHday #MacLiver
  • L”attività sui social generata dall”evento si è quintuplicata, grazie anche all”enorme mobilitazione di terzi che hanno utilizzato gli hashtag ufficiali #NASHday #MacLiver

Recapito

The NASH Education Program

contact@nash-education-program.com

Pascaline Clerc – Responsabile della campagna per gli Stati Uniti, pascaline.c@nash-education-program.com

Rapporti con la stampa   

Per l”UE: Ulysse Communication, Bruno Arabian, barabian@ulysse-communication.com , +33-687884726

Per gli Stati Uniti: SuSiglo Media, Maritza Puello, maritza.puello@gmail.com , +1-917-886-349

WASHINGTON e PARIGI, June 15, 2018 /PRNewswire/ —

A piu di un anno dall’inizio della produzione Sono Motors registra gia oltre 5.000 prenotazioni

Le prenotazioni per la prima vettura elettrica con integrazione di celle solari prodotta in serie corrispondono ad un giro d”affari di oltre 100 milioni di Euro.

Dopo appena dieci mesi dalla presentazione dei primi prototipi l”azienda di mobilità elettrica Sono Motors ha annunciato di aver superato le 5.000 prenotazioni della Sion, la sua vettura innovativa. L”azienda informa che per ognuna di queste vetture è già stato effettuato un acconto e che centinaia di queste sono state già pagate completamente.  Il numero attuale delle prenotazioni corrisponderebbe ad un giro d”affari di oltre 100 milioni di euro.

La giovane azienda riesce così a raggiungere una tappa importante nel cammino verso la produzione.  L”inizio della produzione è previsto per la seconda metà del 2019 e la Sion sarà assemblata in cooperazione con un rinomato fornitore e produttore europeo di componenti e automobili Con la Sion comincia la produzione in serie della prima auto elettrica in grado di aumentare l”autonomia con la sola energia solare grazie ai moduli integrati nella carrozzeria.

‘Questo per noi è uno dei momenti più emozionanti dalla fondazione dell”azienda. Abbiamo fatto un grande passo verso la nostra visione: sviluppare soluzioni efficenti con l”obiettivo di essere indipendenti dai combustibili fossili’, dichiara Laurin Hahn, CEO e uno dei fondatori dell”azienda. ‘Vogliamo rendere la mobilità elettrica alla portata di tutti e dare ai possessori della Sion la possibilità di produrre energia.’

‘La Sion rappresenta un concetto di mobilità completamente nuovo’, aggiunge Jona Christians, CEO e co-fondatore di Sono Motors. ‘La combinazione tra una vettura elettrica e le celle solari in questa forma è una cosa unica. Inoltre il nostro chiaro obiettivo era quello di offrire la Sion già integrata con sistemi di mobilità particolarmente efficienti e sostenibili.  Si può infatti usare questa vettura come batteria tampone e grazie alla ricarica bidirezionale non si può solo accumulare energia ma si può anche erogare.  Un”app creata appositamente offrirà la possibilità di condividere sia l”energia della batteria che la vettura stessa e di offrire passaggi.

In Europa finora oltre 10.000 persone si sono messe al volante della Sion e si sono potute informare sul concetto di mobilità dell”azienda.

‘Durante il tour gli incontri con i nostri sostenitori per noi sono un”occasione preziosa per raccogliere idee e impressioni. Solo così possiamo continuare a sviluppare la Sion in sintonia con i feedback della nostra community.  Nei contatti personali e nel risultato del finanziamento di questo progetto stiamo vivendo un entusiasmo e un consenso enorme: quello di mettere la Sion su strada è davvero un obiettivo condiviso. ‘Questo è quello che ci fa andare avanti ogni giorno’, spiega Navina Pernsteiner, creative director e co-fondatrice di Sono Motors.

Finora hanno prenotato la Sion persone da oltre 30 paesi direttamente sul nostro sito.  Tra questi poco più dell”80 per cento delle prenotazioni proviene dai mercati chiave Germania, Austria e Svizzera. Ma anche il contributo dei sostenitori italiani è di gran rilievo, come quello arrivato dalla Spagna e dagli USA.

– Indicazioni: Una fotografia può essere scaricata su (http://www.epa.eu) –

A proposito di Sono Motors

Sono Motors è nata nel 2016 da un progetto partito in un garage tra due amici e dalla loro visione di una mobilità sostenibile e libera da combustibili fossili.

Oggi un team competente composto da ingegneri, designer, tecnici e esperti dell”industria sta sviluppando un”auto elettrica orientata al futuro e adatta alla vita quotidiana. La Sion ha celle solari integrate nella carrozzeria ed è dotata di servizi di mobilità innovativi.

Le emissioni di CO₂ derivanti dalla realizzazione della vettura saranno completamente compensate. Grazie al supporto di importanti investitori e al crowdfunding del 2017 sono stati realizzati i primi prototipi, già guidati da oltre 10.000 interessati durante il tour. La travolgente risonanza all”idea della vettura e al concetto di mobilità ha confermato la visione dei fondatori dell”azienda e l”ha fatta diventare realtà: la produzione in serie dell”auto elettrica infatti comincia nel 2019.

L”intera storia della fondazione si trova qui: http://www.sonomotors.com/de/story.html/

Web:  https://www.sonomotors.com/de/
Social Media: Facebook | Instagram |  Twitter | YouTubeLinkedIn

Contatto stampa
Julius Zimmer | cell: +49(0)176-180-501-24 | e-mail: press@sonomotors.com

MONACO DI BAVIERA, June 14, 2018 /PRNewswire/ —

Quali sono i rimedi per l’orecchio tappato

La pressione auricolare, comunemente indicata con l’espressione “orecchio tappato” è una patologia piuttosto frequente e, nella maggior parte dei casi, a carattere transitorio. In questa guida cercheremo di capire insieme quali sono i possibili rimedi per l’orecchio tappato, volti a risolvere la problematica e a restituire la completa capacità uditiva.

La sensazione di udito ovattato e di orecchio tappato rappresenta una situazione piuttosto comune che può presentarsi nella vita di tutti i giorni, senza particolari eventi scatenanti; molto spesso la sensazione scompare da sola, senza adottare particolari rimedi medici e senza destare particolari preoccupazioni.

Ci sono però anche delle situazioni in cui la sensazione di orecchio tappato persiste per lungo tempo senza risolversi: questi sono i casi da analizzare con maggiore attenzione, perché alla base della pressione auricolare ci potrebbe essere una situazione di alterata ventilazione dell’orecchio medio.

Prima di esaminare i possibili rimedi per l’orecchio tappato è utile dare qualche informazione in più circa questa patologia. La sensazione di pressione auricolare è stata sperimentata da tutti almeno una volta nel corso della vita: le situazioni in cui più facilmente si può presentare sono i voli in aereo, le immersioni e le salite in montagna.

Un punto in comune di tutte queste situazioni è un cambiamento, più o meno repentino, della pressione atmosferica, che comporta la necessità dell’orecchio di adattare la sua pressione all’ambiente esterno. La sensazione di pressione auricolare si ha quando l’adattamento avviene con fatica o tarda ad arrivare, comportando una sorta di capacità acustica ovattata e di riduzione dell’udito, che può durare alcuni secondi o che può perdurare anche per alcune ore.

Nei casi in cui la differenza di pressione dovesse essere molto elevata e dovesse avvenire in modo repentino, è possibile andare incontro ad un barotrauma, ovvero ad un trauma da pressione. Per ulteriori informazioni circa i danni all’orecchio consigliamo di visitare InfoUdito.

Uno dei rimedi più semplici per risolvere in poco tempo il problema dell’orecchio tappato è sbadigliare. Grazie alla connessione anatomica fra la faringe e l’orecchio medio, attraverso la tuba di Eustachio, lo sbadiglio consente di equilibrare la pressione dell’orecchio e dell’ambiente esterno nella maggior parte dei casi.

Lo stesso risultato si può ottenere anche con la deglutizione, per questo viene consigliato di masticare una gomma da masticare a coloro che volano e che soffrono di pressione auricolare, soprattutto nelle fasi di decollo e di atterraggio.

Quando si è raffreddati, la congestione nasale ed una infiammazione della tuba di Eustachio possono portare ad una difficoltosa gestione delle pressioni. La tuba infiammata tende infatti a diventare iperemica e di dimensioni maggiori, con una riduzione della sua fisiologica funzione ventilatorio.

In questo caso potrebbe essere utile l’utilizzo di uno spray nasale decongestionante, che consenta di ridurre il grado di congestione e che porti beneficio anche alla gestione della pressione dell’orecchio medio.

L’orecchio tappato potrebbe essere causato anche dalla presenza di un tappo di cerume. In questo caso specifico il rimedio sarebbe allora la rimozione del tappo, con le apposite procedure relative al caso.

Il nostro consiglio è di rivolgersi ad uno specialista nel caso in cui la sensazione di avere un udito ovattato dovesse presentarsi di frequente e dovesse perdurare nel tempo. In queste situazioni il compito dello specialista è fondamentale per individuare la causa alla base del problema e per stabilire insieme al paziente la strada da percorrere per giungere nel minor tempo possibile ad una risoluzione.

Le più belle spiagge delle Marche

È decisamente arrivato il momento di pensare alle prossime vacanze estive. Per la maggior parte dei viaggiatori le destinazioni ideali sono quelle di mare. Non serve andare in capo al mondo per apprezzare questo elemento naturale di incredibile bellezza e panorami che tolgono il fiato. Lo Stivale ha tanto da offrire agli amanti dell’acqua salata, sotto ogni punto di vista. Una delle regioni italiane che sa come conquistare il cuore dei viaggiatori sono le Marche: un territorio versatile e variegato che incanta al primo sguardo.

La costa marchigiana è bagnata dal Mare Adriatico, ma il suo litorale è tutt’altro che uniforme. Le spiagge delle Marche possono essere molto diverse tra loro: lunghe e sabbiose, a ciottoli arrotondati oppure scogliere a picco. Ce n’è davvero per tutti i gusti: ecco alcune delle spiagge più belle di questa magnifica terra.

 

Partendo dalla parte settentrionale della regione si incontra come prima spiaggia incantevole quella di Baia Vallugola, nei pressi di Gabicce Mare. Potete trovare maggiori informazioni sul portale Hotel Gabicce.info.

Proseguendo verso sud si incontra la città di Fano, celebre non solo per il suo storico Carnevale, ma anche per la spiaggia di Arzilla composta da sabbia fine e fondali bassi.

Il viaggio prosegue e si incontra la spiaggia di velluto di Senigallia, dove la bellezza dei panorami si fonde con stabilimenti attrezzati e tanti eventi vivaci.

La Riviera del Conero è una della più magnificenti del Paese. L’acqua del mare si tinge di sfumature dal blu al verde in netto contrasto con le alte scogliere, interrotte solo da piccole calette di sassi.

Una delle spiagge marchigiane più belle è di sicuro quella delle Due Sorelle, a Sirolo. Un luogo interessante che può essere raggiunto solo via mare. Stesso luogo, ma una spiaggia diversa: quella dei Sassi Neri caratterizzata dai fondali composti da pietre scure.

Da non perdere anche la spiaggia di Mezzavalle, per raggiungere la quale serve un po’ di fatica che si dimentica all’istante quando si conquista la meta.

 

Queste sono solo alcune delle spettacolari spiagge che impreziosiscono le Marche. Ogni cittadina della costa riserva piccole perle selvagge o grandi spiagge attrezzate. Spiagge per famiglie, per cani, per coppie e perfino per nudisti, le Marche sono il luogo ideale per tutti durante la bella stagione. Alcune facili da raggiungere, altre che richiedono un percorso di trekking o perfino uno spostamento via mare, ma tutte con importanti caratteristiche che vi faranno innamorare di questa regione italiana.

 

Hublot: Pelè svela il nuovo modello dedicato alla UEFA Champions League

COLOR BLU CAMPIONE 

Official Licensed Watch Partner della UEFA Champions League™, Hublot è il marchio partner per eccellenza del mondo del calcio. Per il terzo anno di collaborazione con la UEFA Champions League™, la Maison orologiera svizzera si veste di blu. In attesa di sapere chi alzerà la Coppa il prossimo 26 maggio a Kiev (Ucraina), Ricardo Guadalupe, CEO Hublot, e il Re Pelé svelano il nuovo Official Licensed Watch della UEFA Champions League™.

     (Photo: https://mma.prnewswire.com/media/681908/Hublot_Ambassador_Pele.jpg )

     (Photo: https://mma.prnewswire.com/media/681909/Classic_Fusion_Chronograph_UEFA_Champions_League.jpg )

IRRINUNCIABILMENTE BLU  

Esattamente come per Maîtres du Temps, dall”inconfondibile colore blu, Hublot crea un modello interamente realizzato con le tinte dell”emblematico colore del C1. Il Classic Fusion Chronograph UEFA Champions League[TM], Official Licensed Watch della competizione, si distingue per la sua cassa da 45mm di diametro in ceramica blu lucida e satinata. Il cinturino è in alligatore blu impreziosito da impunture color bianco. Il quadrante soleil mostra tono su tono la mitica Starball e le sue 8 stelle che formano un pallone, emblema della competizione. Il fondo della cassa riporta il logo della UEFA Champions League™.

CALCIO: UNA PASSIONE SENZA FRONTIERE 

Indivisibile dal mondo del calcio, Hublot vive con passione questo sport in ogni partita ed in ogni vittoria grazie alle sue solide partnership con importanti club oltre che con la FIFA e la UEFA. Al fianco dei più grandi club, di giocatori di fama mondiale, della Coppa del Mondo Femminile FIFATM e della Confederation Cup FIFA, dei campionati europei più importanti, e ancora della UEFA Champions League[TM] e della UEFA Europa League[TM], il calcio scorre nelle vene di Hublot. Insieme a Hublot dal 2013, Pelé, cittadino del mondo e icona del calcio giocato, incarna il sogno e la vittoria ed una passione per il calcio che non conosce frontiere. Il tre volte campione del mondo, record ancora oggi imbattuto, ha orgogliosamente vinto per due volte la Copa Libertadores, la più grande competizione tra club dell”America del Sud meglio nota come alter ego della UEFA Champions League europea.

NYON, Svizzera, April 25, 2018 /PRNewswire/ —

Nella lista delle dieci più vitali settimane della moda globali due sono della Cina

Nel 2017, le dieci settimane della moda più vitali al mondo sono state Parigi, Milano, New York, Londra, Amazon Fashion Week a Tokyo, Shanghai Fashion Week, China Fashion Week (Pechino), Seoul, Russia Fashion Week e Singapore nell”ordine, cioè cinque dall” Asia, quattro dall” Europa e una dall” America. In generale, le settimane della moda di Parigi, Milano, New York e Londra sono ancora in posizioni dominanti, mentre quelle asiatiche crescono a maggior velocità. ‘Elementi cinesi’ e ‘bellezza cinese’ stanno ora gradualmente guidando le tendenze di moda globali, https://www.loansgreen.co.uk/quick-loans/.

Dirigenti e funzionari presenti alla conferenza stampa comprendevano Xiao Guiyu, vicepresidente del Congresso popolare municipale di Shanghai, Shang Yuying, direttore della Commissione municipale di Shanghai per il commercio, Jiang Wei, presidente della filiale di Shanghai dell”agenzia di stampa Xinhua, Tong Jisheng, presidente di Orient International (Holding) Co., Ltd., Liu Ping, vice governatore del distretto di Changning a Shanghai, Liu Min, vice direttore della Commissione municipale di Shanghai per il commercio, e Cao Wenzhong, vicepresidente del China Economic Information Service dell”agenzia Xinhua.

Il Global Fashion Industry Index – Fashion Week Vitality Index rileva comprensivamente lo sviluppo della vitalità delle settimane della moda mondiali da tre angolazioni di copertura mediatica, irradiazione dell”ambito di business e convergenza di elementi. In generale, il settore della moda in Cina continua a crescere. I consumatori cinesi giocano un ruolo sempre più importante nel mercato dei consumi globale e costituiscono una parte estremamente rilevante del consumo di moda nel mondo.

Secondo la ricerca, il livello di specializzazione gradualmente migliorato e la sempre più perfezionata catena settoriale delle settimane della moda locali guidano il consumo nel settore moda in diversa misura. In quanto modello del mondo della moda in Cina, la Shanghai Fashion Week è ben equilibrata nei suddetti tre aspetti e ha visto una rapida crescita in scala e continua innovazione nelle forme, attirando l”attenzione del mondo con il suo enorme potenziale di sviluppo. In aggiunta alla ben sviluppata Shanghai Fashion Week e alla China Fashion Week (Pechino), anche le settimane della moda cittadine di Shenzhen, Dalian, Xiamen e Wuhan si sono distintamente caratterizzate.

Secondo Tong Jisheng, presidente di Orient International (Holding) Co., Ltd., lo scambio culturale internazionale della moda oggi mostra tre principali trend. Primo, la piattaforma per la comunicazione di moda tra est e ovest si è spostata dall”occidente nel secolo scorso all”oriente, con la Cina emersa come fulcro della comunicazione di moda. Si ritiene che Shanghai diventi la prossima culla del fashion che integra la civiltà orientale e occidentale dopo Milano, Parigi, Londra e New York. Secondo, ci sono più attività di comunicazione e con maggior frequenza, a più alti livelli, più partecipanti e contenuti arricchiti. Terzo, la ricerca teorica nella moda sta gradualmente crescendo, il che arricchirà continuamente le teorie di moda in oriente e occidente ed accelera l”integrazione delle mode orientale e occidentale al di là di tempo, regioni e culture.

E” specificato nello Shanghai Master Plan (2017-2035) di costruire il brand di una metropoli culturale internazionale, raccogliere i talenti e le organizzazioni culturali globali, e fare di Shanghai il centro dell”industria mondiale della moda e del design, il fulcro del design creativo e della formazione professionale. Ultimamente, Shanghai sta vigorosamente costruendo quattro importanti brand: Shanghai Service, Made in Shanghai, Shopping in Shanghai e Shanghai Culture. Combinando perfettamente i quattro brand cardine, l”industria della moda rappresenta in maniera vivida la forza integrante di Shanghai, ed è uno dei settori chiave cruciali per il futuro sviluppo urbano della città.

Link immagini allegate: 
http://asianetnews.net/view-attachment?attach-id=310827  
http://asianetnews.net/view-attachment?attach-id=310828  
http://asianetnews.net/view-attachment?attach-id=310829  
http://asianetnews.net/view-attachment?attach-id=310830  

Foto – https://mma.prnewswire.com/media/681323/Scene_of_Press_Conference_on_the_Launch_of_Global_Fashion_Industry_Index___Fashion_Week_Vitality_Index__2017.jpg
Foto – https://mma.prnewswire.com/media/681347/Xiao_Guiyu__Vice_Chairman_of_Shanghai_Municipal_People_s_Congress_of_China__makes_a_speech.jpg
Foto – https://mma.prnewswire.com/media/681325/Cao_Wenzhong__Vice_President_of_China_Economic_Information_Service_of_Xinhua_News_Agency__announces_the_index.jpg
Foto – https://mma.prnewswire.com/media/681326/Tong_Jisheng__President_of_Orient_International__Holding__Co___Ltd___makes_a_speech.jpg  

PECHINO, 24 aprile 2018 /PRNewswire/ — Il 27 marzo, il Global Fashion Industry Index – Fashion Week Vitality Index Report (2017) preparato dal China Economic Information Service dell”agenzia di stampa Xinhua è stato presentato a Shanghai. Secondo il rapporto, la Shanghai Fashion Week si posiziona seconda in Asia e sesta nel mondo, seguita dalla China Fashion Week (Pechino) che si piazza settima nel mondo.

Samsung Galaxy J5, un ottimo prodotto di fascia media

Samsung Galaxy J5, un ottimo prodotto di fascia media

Samsung propone moltissimi smartphone e molte serie diverse per qualità e prezzi. La serie J assomiglia per alcuni versi a i prodotti della serie A, con le debite differenze da fare. Uno smartphone sicuramente di fascia intermedia che, tuttavia, porta con sé tutta la qualità e l‘affidabilità della casa madre. Vediamo insieme, allora, la recensione del Samsung Galaxy J5.

 

Samsung Galaxy J5, gli aspetti tecnici

 

Il processore di questo cellulare è della Samsung, la sua memoria interna è pari a 16 Giga, ma si può espandere con una micro SD interna. Il suo processore è di medio livello e, di conseguenza, garantisce prestazioni non eccezionali ma comunque perfette per chi non deve fare un uso professionale dello smartphone. In generale, il suo funzionamento touch è più che performante, manca purtroppo della retroilluminazione e la sua connettività di base abbraccia tutte le tecnologie attualmente disponibili sul mercato. Il prodotto è anche dotato della radio, si connette WIFI e anche via Bluetooth. Uno smartphone perfettamente funzionante, con una buona qualità e che non dà problemi per un uso “domestico”. Per quanto riguarda la telefonata, questo smartphone consente un audio molto buono, è dotato ovviamente anche della funzione viva voce con un altoparlante di media qualità. In estrema sintesi, alla luce delle caratteristiche tecniche dello smartphone, le performance garantite sono sicuramente più che accettabili per un utilizzo medio, per persone cioè che non devono lavorarci e non abbiamo la necessità di aprire molte applicazioni contemporaneamente. Se messo sotto stress, infatti, il prodotto tende a cedere un po’, è quindi poco adatto a chi magari usa lo smartphone per lavoro.

 

Samsung Galaxy J5, punti di forza e debolezze

 

Dunque, per avere una visione chiara del prodotto, possiamo dire che sicuramente dal punto di vista tecnico a questo cellulare non manca nulla. Leggero la punto giusto, esteticamente accattivante, veloce se non sotto stress, connesso ovunque. Tra i suoi limiti tuttavia, dobbiamo sottolineare la sua non impermeabilità e alla fatica che fa se sollecitato troppo. Tra i punti di forza, poi, c’è sicuramente anche quello che viene considerato il plus dell’azienda Samsung, ovvero la fotocamera. Pur trattandosi, infatti, di un prodotto di medio livello, le fotografie che possiamo scattare sono sicuramente ben fatte e anche di buona qualità. Potremmo dire che per quanto riguarda la fotocamera, si tratta di un prodotto che garantisce una performance superiore a quella standard per la fascia compresa tra i 200 e i 300 euro come il caso di questo smartphone.

 

Concludendo, il Samsung Galaxy J5 è un ottimo smartphone per un uso familiare e giovanile, perfetto per una fascia media.

 

Imparare a ristrutturare casa con le proprie mani

Imparare a ristrutturare casa con le proprie mani

La casa è il nido in cui ognuno di noi ama rifugiarsi dopo una giornata di lavoro. E' il posto in cui cresciamo i nostri figli, nel quale passiamo il tempo con la famiglia e con gli amici. La casa è importante per tutti. Purtroppo, spesso capita che si verifichino problemi che rendono il nostro stare in casa complicato e spesso spiacevole. E quando i guai si sommano, l'unica alternativa a traslocare è quella di ristrutturare casa.

Quando si parla, genericamente, di ristrutturare casa, si va a comprendere tutta una seria di problematiche che vanno dalla comparsa della muffa agli infissi che non tengono, dall'intonaco che si scrosta al parquet che mostra i segni del tempo, dal rubinetto che gocciola alle pareti che diventano opache. E il più delle volte, per ristrutturare casa, occorre chiamare operai specializzati, che, per fare un buon lavoro, obbligano la famiglia a sborsare cifre importanti e a vivere in mezzo a mille disagi per tutto il periodo della ristrutturazione.

Ed è, perciò, un'ottima idea imparare a ristrutturare casa con le proprie mani. Oltre a risparmiare denaro e a contenere i disagi, infatti, poter intervenire su ciò che non funziona personalmente regala soddisfazione, e aumenta l'autostima. E' ovvio che non si possa rimediare a tutto, ma per molti dei lavori compresi nel ristutturare casa, c'è un modo per farli senza l'ausilio di operai specializzati, utilizzando il tempo libero.

Per chi volesse dedicarsi a ristrutturare casa con le proprie mani, la guida ideale si trova on line: bricoportale, il sito perfetto per i lavori in casa. Mettiamo, per esempio, che si desideri tappezzare le pareti. In questo caso, si cerca la voce corrispondente su bricoportale, e si inizia a leggere l'articolo. In esso si trova subito una serie di consigli su cosa fare e cosa non fare per effettuare il lavoro al meglio. Segue un elenco di tutti i materiali che servono, per non rischiare di trovarsi impreparati a metà dell'opera. Poi, con l'aiuto di foto dettagliate, viene spiegato come procedere. Nel caso di questo lavoro specifico, troviamo anche come calcolare con precisione la quantità di carta da parati che ci occorre.

Grazie a bricoportale, ristrutturare casa può diventare davvero semplice. Si impara a posare il parquet, a installare una grondaia, a preparare il cemento rapido, ad aggiustare rubinetti e soffioni della doccia… grazie ai suggerimenti di bricoportale, senza nemmeno accorgersene si diventerà degli esperti nel settore delle riparazioni e dei miglioramenti strutturali.

Ristrutturare casa non è sempre qualcosa di penoso e noioso, specie se una coppia o una famiglia vi si dedica con entusiasmo e allegria. E' chiaro che ci sono regole da seguire, e bricoportale è lì per questo. Poco a poco, la casa diventerà sempre più accogliente, e ogni lavoro o lavoretto effettuato con le proprie mani la farà sembrare ancora più "amichevole". E siccome l'appetito vien mangiando, dopo le prime, necessarie, riparazioni, si verrà colti dal desiderio di cambiare l'arredamento e migliorare l'insieme di ogni stanza. Grazie a bricoportale, la casa si trasformerà in meglio, e senza aver dovuto chiamare estranei a ristrutturare.

Le coperte termiche: protezione termica di merci e prodotti industriali

Le coperte termiche: protezione termica di merci e prodotti industriali

Le coperte termiche industriali sono un elemento irrinunciabile per chi deve trasportare merci o prodotti deperibili, in quanto consentono di mantenere costante la temperatura, soprattutto a fronte del gelo invernale o delle alte temperature estive.
Tutte le aziende che realizzano spedizioni di prodotti facilmente deteriorabili dovrebbero considerare questa opzione per far sì che l'articolo arrivi intatto presso il cliente, per dare garanzia di sicurezza e comodità del trasporto.

Come scegliere una coperta termica industriale

Un imballaggio termoisolante deve essere scelto sia in base alla forma dell'elemento da coprire, sia in base all'applicazione prevista. L'approccio ideale sarebbe quello di poter avere una forma che preveda aperture per un'eventuale ispezione o accesso al materiale imballato e che possa essere riutilizzata in caso di spedizioni future.
Eredi Caimi srl – Imballaggi Industriali realizza coperte termiche industriali per coprire pallet, cisterne, fusti o contenitori atti alla spedizione in genere.

La merce che generalmente necessita di questo tipo di protezione può essere di vario tipo:

– alimenti, bevande o cibo in genere;
– farmaci;
– frutta o verdura;
– cosmetici o prodotti per la pulizia;
– prodotti di pasticceria lavorati o semilavorati;
– prodotti industriali in generale che subiscono stress termico.

Sul sito Imballaggi.biz si potranno trovare tutte le informazioni necessarie alla scelta di una coperta termica industriale in base al tipo di merce che è necessario proteggere, al fine di facilitare una spedizione sicura e semplice.

Vantaggi delle coperte termiche industriali

Gli imballaggi industriali isolanti presentano diversi vantaggi:

– adattabilità alla forma della merce da spedire;
– facilità di uso e manutenzione;
– possibilità di essere riutilizzati;
– solidità, ridotto ingombro, dimensioni e trama personalizzata.

Decidere di adottare un imballaggio isolante per proteggere i materiali termosensibili è una forma di garanzia sia per il nome dell'azienda sia per il cliente stesso, che potrà così ricevere la merce intatta in tutte le sue proprietà organolettiche se si tratta di cibo o bevande o prodotti farmaceutici.

Materiali costruttivi degli imballaggi termici

Gli imballaggi termici sono costituiti di uno strato esterno, che può essere in poliestere, da uno strato in alluminio riflettente, necessario a tenere lontani i raggi solari, e di una parte isolante di solito in lana minerale o materiali simili. Gli elementi riscaldanti possono inoltre essere abbinati con termoresistenze che possono aiutare a mantenere costante la temperatura del fusto o del pallet, ad esempio.
I costanti progressi tecnologici nell'ambito packaging hanno reso più semplice l'organizzazione di una spedizione internazionale, sia essa a medio o lungo raggio, e hanno facilitato l'arrivo a destinazione della merce senza deterioramenti o deperimenti. Questo è nato soprattutto per supplire a delle criticità nate in seguito alla richiesta crescente del settore agroalimentare di avere spedizioni sempre più flessibili, garantite e sicure, a prezzi concorrenziali. Eredi Caimi srl – Imballaggi Industriali si pone l'obiettivo di assistere il cliente a 360° nel caso di necessità relative ad imballaggi industriali di merce di vario tipo, deperibile e non. Il cliente potrà richiedere un preventivo senza impegno, anche con pagamenti dilazionati e quotazioni personalizzate, in base alle necessità.

Aziende IT, focus su sviluppo software e sicurezza

Aziende IT, focus su sviluppo software e sicurezza

Lo sviluppo software viene considerato come l’asse portante della crescita aziendale in Italia. Lo pensa quasi la totalità dei manager del nostro Paese, così come riportato da una ricerca recente svolta da CA Technologies, che ha messo in luce i punti di forza e le debolezze dell’organizzazione delle aziende nazionali. Si tratta di un’indagine di carattere internazionale chiamata “Integrating Security into the DNA of Your Software Lifecycle”, che ha coinvolto circa 1.200 responsabili aziendali nel settore informatico, compresi naturalmente quelli italiani. Via libera, quindi, allo sviluppo software a Roma e nel resto dell’Italia anche per i prossimi anni, con società sempre più specializzate nel settore, come Area Software.

Aziende IT, quali sono i pregi e quali i limiti

Oltre al comparto di sviluppo software, un altro aspetto ritenuto fondamentale dai responsabili aziendali del settore IT è la questione sicurezza informatica. Dato il numero crescente di programmi, applicazioni e sistemi che gestiscono informazioni personali e spesso sensibili, comprese quelle finanziarie delle aziende, la sicurezza dei dati viene considerata sempre più essenziale. Purtroppo la vulnerabilità dei software continua a essere uno dei limiti maggiori del settore informatico nell’intero scenario internazionale, secondo la ricerca, infatti, quasi l’80% delle applicazioni rivela problemi di sicurezza, una cifra quindi molto preoccupante. Sempre secondo l’indagine i metodi tradizionali per testare la sicurezza nello sviluppo dei software e delle applicazioni non sarebbero più sufficienti, secondo la quasi totalità delle imprese italiane, infatti, la questione della sicurezza dei dati deve diventare una fase fondamentale dell’intero processo di sviluppo e non soltanto una sorta di test finale del risultato. La sicurezza va dunque integrata nel comparto IT e non solo utilizzata come verifica del processo. Più della metà delle aziende, inoltre, ritiene che i protocolli per verificare la sicurezza dei programmi e delle applicazioni debbano essere applicati già nelle fasi preliminari dell’intero ciclo, meccanismo che in Italia avviene appena nel 30% dei casi, mentre in Francia e in Spagna accade già rispettivamente nel 90% e nell’80%.

La questione italiana della sicurezza informatica

D’altro canto, però, il nostro Paese può vantare i “Software Security Master” ed è quarta in tutto il mondo e prima in Europa in questo settore. Si tratta, sostanzialmente, di organizzazione che hanno integrato al 100% la sicurezza nei loro processi attraverso degli approcci testati e precisi. Tra gli ostacoli alla crescita del settore IT, tuttavia, c’è la cultura aziendale che ancora in Italia incontra qualche difficoltà soprattutto nell’approccio lavorativo e di metodo.

Consulenza rifiuti: come gestire la selezione casalinga?

Consulenza rifiuti: come gestire la selezione casalinga?

Negli ultimi quattro anni nelle città italiane si sta diffondendo a macchia d'olio la raccolta differenziata. Questa però non è esente da errori oppure mancanza di copertura. Un esempio pratico per capire quello che vi stiamo provando a spiegarvi è rappresentato da ciò che in questi giorni è successo nella città di Catania, a causa di uno scandalo relativo alla gestione dei rifiuti nato all'interno dell'amministrazione comunale.

In molte città appunto la raccolta differenziata copre soltanto alcune zone di riferimento, senza che nessuno spieghi realmente come questa funziona. Il dilemma per molti cittadini italiani, e non solo, resta l'argomento raccolta dei rifiuti organici: cosa comprende questo settore e come gestire la selezione casalinga?

Raccolta differenziata: Quali sono i rifiuti organici?

Come abbiamo appena accennato, l’argomento raccolta differenziata sembra essere un vero e proprio tabù per molti italiani, dato che non è ben chiaro quali possono essere i rifiuti che vanno selezionati e gettati nel proprio reparto di riferimento. Sono sempre di più le persone che hanno confessato di avere problemi soprattutto con quelli che sono i rifiuti organici, motivo per cui in questo articolo cercheremo di fornirvi una consulenza rifiuti, che potrete trovare tranquillamente in siti web di società operanti nel settore come quelli di Nova Ecologica.

La prima domanda da porsi in casi come questi è: quali sono i rifiuti organici?

Premettiamo che nell'ambito dei composti organici troviamo tutto ciò che appartiene anche la sezione umido, quindi qui vanno gettati scarti di cucina, avanzi di cibo, alimenti avariati, gusci d'uovo, scarti di verdura e frutta, fondi di caffè, filtri di thè, escrementi, lettiere di animali domestici, fiori secchi, piante, pane, salviette di carta unte, ceneri spente di caminetti, piccole ossa e gusci di cozze.

Contenitori e cartoni unti di olio dove vanno gettati?

Un altro grande dilemma per i cittadini che sono costretti a fare la raccolta differenziata, seguendo dunque le norme di legge, è rappresentato da contenitore cartoni unti di olio o altro tipo di materiale… questi dove vanno gettati? La risposta a questa domanda spesso viene da filosofie di pensiero completamente diverse tra loro, alcuni sostengono che devono essere gettati nel contenitore per l'organico mentre altri nei loro contenitori di appartenenza quindi cartone o plastica. Un esempio classico per capire quanto stiamo dicendo è rappresentato stesso dalla cartone della pizza.

Molto spesso capita che questo, a seconda della pizza che viene scelta, può rimanere completamente pulito o sporco in parte, o a sua volta totalmente unto di olio. In casi come questi bisogna fare una selezione naturale, il cartone completamente pulito può essere gettato nel contenitore della carta, mentre quelli sporchi in toto o in parte vanno nel cassonetto dei rifiuti indifferenziati. Per quanto riguarda i contenitori, che siano di vetro o di plastica, potrete tranquillamente pulirli e gettarli nei propri cassonetti di riferimento.

Perchè è importante ripararare le serrature antiche, anzichè sostituirle

Perchè è importante ripararare le serrature antiche, anzichè sostituirle

L’integrità di un mobile antico o di una porta antica, anche nelle parti metalliche, concorre ad aumentarne il valore storico e commerciale. Sostituire un serratura rotta anziché ripararla vuol dire snaturare il mobile o la porta che si sta restaurando, facendone perdere il valore ed il fascino. Restaurare anziché sostituire è una delle prerogative principali di un restauro eseguito correttamente e che contribuisca ad aumentare il valore del mobile che si va a trattare. Il legame tra la serratura ed il mobile è molto importante. E’ un legame funzionale ed estetico. Funzionale perché, banalmente, la serratura ha la funzione di chiudere una porta, un cassetto, una credenza o una cassapanca. Decorativo, in quanto soprattutto nei mobili antichi, quando le serrature antiche erano all’esterno del mobile e non all’interno come oggi. 
 
Un mobile antico infatti è il risultato di molte competenze artigianali: il falegname, l’intarsiatore, il lucidatore e non ultimo il fabbro.  Anticamente la serratura aveva una funzione anche decorativa, Infatti era posta all’esterno del mobile ed era molto elaborata. La serratura perde poi nel tempo ogni funzione decorativa e viene fissata all’interno del mobile. Nell’800 viene addirittura incassata a scomparsa nel legno. Questo non significa assolutamente che il lavoro del fabbro fosse meno importante. Una serratura ben costruita è un piccolo capolavoro destinato a durare nei secoli, ed esistono serrature di epoca romana che ancora funzionano e che hanno solo bisogno di venire lubrificate ogni tanto.

Come avviene la riparazione delle serrature antiche 

Nel restauro dei mobili e delle porte antiche si è sempre provveduto alla riparazione serrature milano e ricostruito le chiavi per farle funzionare. Spesso sono interventi semplici, come ricostruire un perno o far scorrere il catenaccio. A volte si rende necessario effettuare operazioni più complesse, come riparare o sostituire una molla ma, una volta riparata la serratura può tornare a “lavorare” per altri cento anni.
 
Uno dei problemi del ferro e delle serrature antiche è la sua conservazione. Il ferro infatti per sua natura tende ad ossidarsi molto facilmente, specialmente il ferro non trattato di una volta. Esistono però antiche ricette di vernici a base di olio di lino cotto e grafite molto interessanti ma che comportano tempi di asciugatura molto lunghi. E' possibile adoperare un prodotto molto buono a base di grafite già pronto all’uso che è molto semplice da usare e dà ottimi risultati, ma per ogni attività da eseguire sulle serrature bisogna rivolgersi a dei professionisti.

RETE AL FEMMINILE: ONLINE IL NUOVO SITO

RETE AL FEMMINILE: ONLINE IL NUOVO SITO

RETE AL FEMMINILE: ONLINE IL NUOVO SITO
Per festeggiare i primi due anni di attività dell'associazione nazionale,
l'8 marzo 2018,

il network delle donne freelance e imprenditrici lancia il nuovo sito www.retealfemminile.com

 

Rete al femminile è l’associazione italiana di promozione sociale per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile in tutti i settori. Opera a livello nazionale e locale, attraverso reti provinciali, con attività concrete di condivisione, aggiornamento professionale e networking, per diffondere la cultura economica e imprenditoriale fra tutte le professioniste d’Italia.

 

Secondo i dati diffusi lo scorso 12 febbraio dal Dipartimento delle finanze, nel corso del 2017 sono state aperte circa 512 mila nuove partite Iva e in confronto all’anno 2016 si è registrato un aumento dell’1,2%: sul totale delle nuove partite Iva il 38% sono state aperte da donne.
Sempre più donne decidono di mettersi in proprio come un'opportunità concreta del mondo del lavoro e sempre più spesso decidono di farlo mettendosi in gioco con lavori non convenzionali.

 

Per queste donne imprenditrici fare network oggi è considerata una leva fondamentale per la crescita professionale e di business.

 

Oggi la Rete al femminile è presente in 20 città italiane, da nord a sud, con 1000 associate. Ogni Rete locale organizza autonomamente le attività sul proprio territorio, condividendo gli obiettivi e la filosofia dell'associazione. L'interazione tra tutte le reticelle invece continua sulla piattaforma Facebook attraverso lo strumento dei Gruppi che permette alle professioniste di avere un confronto a livello nazionale.

 

"Il nuovo sito che lanciamo oggi 8 marzo – spiega Danila Saba, Presidente dell'Associazione –  è il segnale di una Rete che sta crescendo e ha desiderio di far conoscere nel modo giusto questa bella realtà e le persone che la animano. È il nostro spazio personale nel quale le reticelle in primis, e le donne che vorranno incontrarci poi, si sentano accolte e accompagnate nello sviluppo del loro business. Ci saranno i nostri volti, il lavoro che ci appassiona, le nostre competenze e la voglia di trasmettere che insieme è proprio più semplice."

 

Le socie della Rete sono architette, traduttrici, assistenti virtuali, commercialiste, digital strategist, social media manager, europrogettiste, wedding planner, avvocatesse, fotografe, videomaker, blogger, coach, psicologhe, interior designer, copywriter, sarte, amministratrici delegate di aziende di famiglia, formatrici. Professioni "classiche" si affiancano a percorsi formativi non convenzionali potenziando gli uni e gli altri. Ma il business non è alla base del successo di questa associazione.

 

"È importante per noi della Rete al femminile mostrare, anche nella realizzazione del sito, un lato che fa dell'associazione unica nel suo genere rispetto ad altri network di donne professioniste: – precisa Danila Saba– un luogo dove, accanto alla possibilità di creare occasioni di business e di essere supportate nella propria crescita professionale, è possibile trovare soluzioni attraverso la condivisione, la creazione di relazioni di fiducia, il supporto nella quotidianità come donna e non solo come professioniste."

 

 

Per informazioni:

Lea Iandiorio

assoretefemminile@gmail.com

+ 39 3466648510

www.retealfemminile.com

Serie Tv e film, quali le differenze

Serie Tv e film, quali le differenze

Nei decenni scorsi, il cinema e le sue produzioni erano considerate la massima espressione artistica in questo ambito, luogo dove registi ed attori ottenevano non solo la consacrazione professionale, ma anche popolare. Oggi, con l'avvento delle serie Tv, molto è cambiato. Non è un caso se adesso sono milioni le persone nel mondo a cercare la serie Breaking Bad in streaming su internet, per continuare a vedere quest'affascinante produzione televisiva.

Cinema e serie Tv si sono evolute nel corso del tempo e mentre prima esisteva una considerevole differenza tra questi due generi, dove uno veniva considerato di maggiore qualità e l'altro più "commerciale" e quindi di livello artistico più basso, adesso tale differenza è quasi scomparsa e si vedono attori e registi passare dal grande al piccolo schermo e viceversa, in produzioni importanti in ambedue gli ambiti.

Film, arte ed emozioni in poco tempo

Uno degli obiettivi delle produzioni cinematografiche e dei registi attraverso le loro opere, è sempre stato quello di riuscire a suscitare emozioni e far pensare, il tutto racchiudendo una storia all'interno di un prodotto della durata di un paio d'ore, il tempo di un film appunto. Tuttavia, un altro importante obiettivo di tali produzioni, da tenere notevolmente in conto, era anche il denaro, inteso come investimento in un'opera artistica e l'auspicio di ricavarne più di quelli spesi.

Per questo motivo, spesso si tendono a fare opere cinematografiche che arrivino a parlare anche alla "pancia" delle persone, magari mostrando prodotti spettacolari, con scene di violenza, con protagonisti vari personaggi o supereroi, interpretati magari da qualche bella attrice o attore. Di conseguenza, il cinema è divenuto sempre più intrattenimento popolare nel corso del tempo, il che, tuttavia, non deve essere considerato forzatamente in senso negativo.

Serie Tv, libertà artistica ed idee originali

A differenza del grande schermo, questi prodotti invece tendono a raccontare storie diversissime, in cui si possono affrontare temi che magari avrebbero poca attenzione o successo nei film tradizionali o non avrebbero il tempo di essere raccontati come si vorrebbe. Inoltre, in una serie Tv lunga e fatta di varie puntate, è possibile focalizzare l'attenzione sui singoli personaggi, scoprendone i loro diversi aspetti, le sfumature ed i lati positivi o negativi. Il che li porta ad essere facilmente amati o odiati e in cui ci si può anche immedesimare.

Appunto per questo che serie Tv come le americane Breaking Bad o Games of Thrones e la britannica Sherlock hanno riscosso considerevole successo. E per tale motivo, inoltre, che ultimamente diversi attori e registi del grande schermo hanno deciso di cimentarsi in opere destinate alla televisione, incrementando ulteriormente la qualità artistica di queste. La maggiore libertà delle serie Tv permette quindi di poter scommettere sulle idee originali, senza tener conto eccessivamente del budget.  

Come scegliere il miglior hosting per Joomla!

Come scegliere il miglior hosting per Joomla!

Ti importa di rendere il tuo sito efficiente e affidabile?Allora occhio all’hosting, alle compatibilità e alle dotazioni. Soffermiamoci su un caso specifico.

Ne siamo al corrente: per distinguersi nella selva del web il tuo sito deve essere appetibile, rapido, aggiornato. Buona parte di questi aspetti dipende da una scelta originaria, che determina la buona qualità dei risultati: l’hosting (che poi è un server), ovvero il “contenitore” della tua vetrina commerciale in rete.

Ma noi qui vogliamo focalizzare in particolare sull’hosting per Joomla!, nonché sulle offerte in materia di Giga.it. Una scelta oculata ti permetterà di aumentare consistentemente le visite in poco tempo.

La duttilità di Joomla!

Anche se non te ne intendi molto, sappi che Joomla!, uno degli open sources (che di solito vuol dire che non c’è nulla da pagare, ma ci torniamo) più gettonati del pianeta, è un content management system (che troverai spesso abbreviato in CMS) facilissimo da usare, perfino se ti cimenti con l’e-commerce, magari costruendo dei veri e propri portali pensati per una clientela internazionale o addirittura gestiti da più di un amministratore.

Un sistema ormai ricco di dotazioni che si adatta pure a strutture più complesse di un blog. Proprio per questo decidere qual è l’hosting per Joomla! più adatto richiede attenzione, tenendo conto di tutte le esigenze del caso (caricamento di foto o video, impostazione, dei testi, ecc.), onde evitare indesiderabili rallentamenti.

Qualche precisazione anche sul dominio

Per quasi tutti gli utenti di Internet è noto, ma spendiamo volentieri due parole pure su questo. Cosa è di preciso un dominio? È il nome di un website da digitare all’interno dell’apposita barra, senz’altro, ma soprattutto (come dice la stessa parola) designa la proprietà di uno spazio in rete. Tanto che potrebbe non contenere – ancora – nessuna pagina.

In quanto ai costi…

D’accordo, puoi trovare delle soluzioni completamente gratuite. Tuttavia, hai la sicurezza che facciano davvero per te? Se hai obiettivi non “stellari” però punti a parecchie migliaia di visite mensili, esistono formule da una manciata di euro al mese (che si traducono in una sessantina l’anno) che, sapendo distinguere, andrebbero già benissimo. D’altronde, quelle più care si adattano a siti con numeri più grandi, o già affermati.

Distinzioni a monte

Abbiamo già detto che la velocità in questo contesto è tutto. I pacchetti gratuiti (o giù di lì) a volte sono supportati da critiche positive. Ma queste ultime possono rivelarsi semplicemente ingenue o frettolose, oppure abbastanza indotte, sia per pagamenti effettuati dai titolari dei servizi in questione ai blogger che li pubblicizzano oppure direttamente al marchio.

Insomma, ci vuole un sistema che acceleri i tempi di connessione e non affolli troppe utenze nello stesso “punto”. In tal senso, Siteground pare che funzioni abbastanza bene. Questo grazie a buoni componenti e a server collocati oculatamente in varie parti del mondo (quelle olandesi si dice che siano le migliori, in barba al fatto che le vicinanze geografiche di solito aiutano; comunque, da poco c’è un datacenter milanese).

Tra l’altro, l’azienda offre gratuitamente (e nel qual caso conviene) il trasferimento di dati eventualmente preesistenti.

Miglioramenti tangibili

Un collegamento non appesantito dalla lentezza balza subito all’attenzione, non solo degli internauti, che possibilmente cominceranno a condividere il tuo indirizzo sui loro profili social, ma anche dei motori di ricerca: tante visite migliorano l’indicizzazione, la quale porta ovviamente altre visite. Pubblicità spontanea nonché aumento degli iscritti alle newsletters. Un circolo virtuoso i cui risultati non tardano a manifestarsi!

E in aggiunta…

Altre chicche che troverai imbroccando l’offerta che fa per te riguardano la messa a disposizione di un numero illimitato di caselle postali e l’automatismo dell’installazione, degli aggiornamenti, dei backup.

Se non fosse già abbastanza, l’assistenza di Siteground risponde (risolvendo i problemi) in tempi concorrenziali. Gli operatori possono essere contattati anche tramite telefono (con prefisso nazionale, ma – salvo futuri potenziamenti del personale – parlando in inglese). Sul versante economico si può contare persino su un diritto di recesso entro un mese.

Esempi concreti

Giga.it, come accennato, ti dà la possibilità di scegliere fra varie opzioni compatibili con Joomla!. e potrai servirti, per dire, tanto della tecnologia del cloud, oggi comodissima, quanto del software file transfer protocol (o FTP).

E parliamo di abbonamenti con tariffe annue di base inferiori a 20 euro. Gli spazi variano a seconda dei prezzi, ma la sicurezza è in ogni caso garantita dall’applicazione di antispam e antivirus.

Avevi considerato già un hosting del genere?

Il trench per la primavera 2018

Il trench per la primavera 2018

L’impermeabile, è tornato! E’ un capospalla che si rivela sempre un ottimo acquisto perché, più o meno ogni anno, viene riproposto in versioni diverse, rimane dunque un capo evergreen per le stagioni intermedie come la primavera.

Da dove arriva questo capo?

Il trench o cappotto da trincea, è un capo tipico delle uniformi inglesi durante la prima guerra mondiale. Il suo successo deriva dal grande schermo ed, in particolare, da Greta Garbo che lanciò la moda del trench foderato di lana con disegno scozzese indossandolo in uno dei suoi film più famosi, parliamo del 1928 e del film Destino. Da allora molte altre attrici famose lo sfoggiano in versione raffinata e in materiali innovativi per l’epoca.

Le novità

Il trench è un capo passe-partout, è un capo pratico da utilizzare in moltissime occasioni. Classico, retrò o bon ton, nella tonalità cammello o nei colori pastello, scegliete voi quello che più vi piace!

Il classico trench color kaki è uno dei più gettonati seppur in una versione più avvitata e con la classica lunghezza oltre il ginocchio. Per chi preferisce un versione più cool potrà optare per il trench rosa in tutte le sue sfumature e in modelli più bon ton che cambiano e si trasformano in cappottini leggeri.

Ma la nuova reinterpretazione underground vista nelle passerelle lo vede con stampe eccentriche e volumi nuovi che arrivano direttamente dallo street style. Anche i materiali proposti diventano tratto distintivo delle nuove proposte: PVC e gomma.

Vi piace osare?  Scegliete le stampe floreali e animalier oppure puntare sul denim, must have della prossima stagione. Non mancano nemmeno le versioni arricchite di dettagli come le maniche in pizzo o il tessuto sfrangiato.

Come indossarlo?

Prendete spunto dalle Celebrity: Megan Markle, la fidanzata del principe Henry lo indossa in occasione del servizio fotografico realizzato per il fidanzamento ufficiale, rivisitando in bianco la versione del classico trench.

Potete creare diversi outfit con un trench e un paio di pantaloni per un look casual scegliendo un paio di jeans e sneakers. Cercato un look più sofisticato? Preferite il trench classico color cammello con un pantalone nero a sigaretta e una classica decollete.

Un abbinamento diverso dal solito ma sempre casual è il trench portato con l’abitino e mixato con accessori casual come le sneakers e berrettino o borsa sportiva.

Infine, un'ottima abbinata rimane sempre il trench + gonna cortissima, e per una versione più attuale, da portare con flat shoes o stringate english style.

Idee viaggio, un weekend di primavera a Roma

Idee viaggio, un weekend di primavera a Roma

Roma è sicuramente uno dei luoghi del cuore di moltissimi italiani e stranieri. Il discorso vale, infatti, per la maggior parte dei viaggiatori di tutto il mondo: chi visita Roma, in genere, non la lascia più, almeno con l’anima. Negli ultimi magari la capitale italiana sta soffrendo un po’ per traffico e rifiuti, ma la sua immagine rimane una delle più belle del mondo, grazie all’immenso patrimonio storico, artistico e culturale che la rende davvero unica e spettacolare. Insomma “Roma Caput Mundi”, ma come organizzare un weekend all’altezza delle bellezze di questa città? Vediamolo assieme!

Weekend a Roma, un itinerario

La primavera è decisamente la stagione migliore per trascorrere un fine settimana romano, all’insegna della temperatura mite e del bel tempo. Le giornate sono già più lunghe e il sole scalda la città, senza, però, il caldo eccessivo tipico dell’estate capitolina.

Ma quale potrebbe essere un itinerario, magari nemmeno troppo scontato, per un weekend primaverile a Roma? Potremmo cominciare dal Giardino degli Aranci, salendo sul Colle dell’Aventino e affacciandoci al terrazzino, da qui possiamo ammirare Roma in tutto il suo splendore. Affacciarci da qui ci farà sentire un po’ i padroni del mondo, o almeno dell’Italia! E proprio in primavera è il periodo migliore per visitare questa chicca romana, perché le piante sono fiorite e ci sorprenderanno con i loro colori delicatissimi e i loro profumi. Per fare pranzo possiamo fermarci in una delle coloratissime e caciarone trattorie romane, scegliendo naturalmente un primo piatto tipico della città, un classico come il cacio e pepe o un’ottima amatriciana. Per un percorso non scontato, il nostro consiglio è di fare due passi nel quartiere Monti, uno dei migliori e più belli di questi ultimi anni. Un quartiere storico, insomma, ma che negli ultimi tempi ha rispolverato un fascino vintage indiscutibile e davvero da non perdere. Qui possiamo perderci tra i negozi e i locali ed è un’ottima zona anche per l’aperitivo o per cenare.

Naturalmente, poi, ci sono tutte le mete che, anche se più conosciute e turistiche, non possono non essere incluse in un weekend a Roma, da Piazza di Spagna alla Fontana di Trevi, passando per il Pantheon e la Basilica di San Pietro, magari con una camminata lungo Tevere.

Per dormire, poi, Roma offre davvero moltissime soluzioni. Dalle più economiche a quelle più lussuose, anche in questo caso la raccomandazione è pronta per voi: cerchiamo di scegliere una sistemazione che possa essere un compromesso ideale tra qualità e prezzo, come ad esempio un hotel a piazza Navona come l’Hotel teatro Pace, situato nel cuore della capitale e scelta ideale di chi, spendendo il giusto, voglia tutta la comodità possibile per visitare Roma in un weekend.

Cultura e social media: un museo su due spopola su Facebook e Instagram, ma non basta

Cultura e social media: un museo su due spopola su Facebook e Instagram, ma non basta

in foto: I Musei Vaticani sono fra le istituzioni con più likes su Facebook.

Musei e social media, un connubio ancora oggi non semplice. Nonostante il digitale stia diventando anche per le istituzioni culturali una risorsa fondamentale, il suo utilizzo appare ancora oggi frenato da un effettiva consapevolezza delle potenzialità di questo mezzo: questo è quello che emerge dal rapporto dell’Osservatorio Innovazione Digitale dei Beni e Attività Culturali, il quale ha condotto delle indagini proprio sul rapporto fra musei italiani e comunicazione digitale.

La ricerca copre un arco temporale che va dal 2015 al 2016, e propone un quadro completo e articolato sul modo in cui i vari musei hanno accolto la cultura digitale: ancora pochi i luoghi di cultura che hanno un sito internet (60%), e molti di meno quelli che utilizzano le newsletter (25%) e che offrono una connessione wi-fi gratuita (19%).

Nonostante i dati preliminari lascino intuire la necessità di lavorare maggiormente sugli aspetti “social” della cultura, molti sono i musei che di questa necessità hanno fatto un’arma vincente: il MAXXI di Roma, La Triennale di Milano e i Musei Vaticani risultano essere le istituzioni che più delle altre sono presenti e attive sui social. In particolare i Musei Vaticani sono primi nella classifica dei musei con maggiori like sulle proprie pagine Facebook stilata dall’Osservatorio, seguiti dalla Reggia de La Venaria Reale e dal MAXXI.

Meno buoni ma comunque rilevanti sembrano essere le esperienze digitali della Reggia di Caserta, del Museo delle Antichità Egizie di Torino e della Galleria d’Italia. D’altra parte, Facebook risulta ancora uno dei canali privilegiati dalle istituzioni museali per veicolare i propri contenuti: il 52% dei musei possiede almeno un account, e il 10% di quelli che non hanno nemmeno un sito internet risultano molto attivi sul famoso social.

Su Twitter il maggior numero di followers è dei Musei del Comune di Roma, insieme al MAXXI, al Museo del Novecento e alla Triennale di Milano. Su Instagram svetta in prima posizione la Collezione Peggy Guggenheim, insieme al MAXXI, al Museo del Novecento e ai Musei Vaticani. Da un facile confronto è emerso come soltanto il 13% dei musei italiani sia presente su tutte e tre le piattaforme, e in questo il MAXXI di Roma risulta vincente.

Fonte: Cultura e social media: un museo su due spopola su Facebook e Instagram, ma non basta

Che cos’è la Domus Aurea, la casa d’oro costruita da Nerone dopo l’incendio di Roma

Che cos’è la Domus Aurea, la casa d’oro costruita da Nerone dopo l’incendio di Roma

La Domus Aurea, definita così perché in essa fu utilizzato moltissimo oro, è stata fino alla sua distruzione la villa urbana voluta ed edificata dall’imperatore romano Nerone dopo l’enorme incendio che distrusse Roma nel 64 d.C. L’incendio di una larga porzione della città di Roma e del suo centro urbano consentì all’imperatore di espropriare all’incirca una fetta di città della grandezza di 80 ettari per costruire un palazzo che si estendeva dal Palatino all’Esquilino. Secondo gli storici e gli archeologi, con ogni probabilità la villa non fu mai completata, ma anzi fu distrutta dopo la morte di Nerone a seguito della restituzione del terreno su cui era sorta al popolo romano.

La parte superstite della Domus Aurea, occultata dalle successive terme di Traiano, come tutto il centro storico di Roma, le zone extraterritoriali della Santa Sede in Italia e la basilica di San Paolo fuori le mura, è stata inserita nella lista dei Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO nel 1980. Il Carandini aggiunge che si trattava non di una sola grande residenza, ma di un insieme di edifici e spazi verdi, che in seguito ispirarono la grande villa Adriana alla periferia di Tivoli.

Il restauro della Domus Aurea con 13 milioni.

Attualmente, la Domus Aurea è in fase di restauro, grazie al finanziamento di 13 milioni di euro ricevuto nel programma triennale relativo agli interventi del fondo per la tutela del patrimonio, in una lista che comprende 241 interventi in tutta Italia che tengono conto delle esigenze dei territori e che contribuiranno a rilanciare l’economia, secondo quanto auspicato dal MiBact.

Visitare la Domus Aurea: cantiere e realtà immersiva.

Allo stato attuale è possibile ammirare la Domus Aurea tramite visite didattiche al cantiere di restauro ogni sabato e domenica. Il cantiere della Domus Aurea è visitabile con degli innovativi interventi multimediali nella prospettiva di valorizzazione scientifica del cantiere di restauro. Come implementazione rispetto ai precedenti anni, è stato realizzato un progetto site specific di realtà immersiva e video racconto. Gli interventi sono volti ad ampliare la fruizione da parte del pubblico con l’utilizzo di installazioni multimediali che fanno uso delle più recenti tecnologie come il videomapping su grandi superfici e la realtà virtuale.

Fonte: Che cos’è la Domus Aurea, la casa d’oro costruita da Nerone dopo l’incendio di Roma

Frankenstein serial, il radiodramma scientifico a 200 anni dalla nascita della “Creatura”

Frankenstein serial, il radiodramma scientifico a 200 anni dalla nascita della “Creatura”

Un piacevole serial che si diverte a mischiare informazione scientifica e letteratura, senza venir meno alla “missione” di entrambe. Da un lato il gusto del racconto, grazie al ritorno della Creatura due secoli dopo la sua prima apparizione, dall’altro la scienza con i suoi quesiti per l’ascoltatore di oggi. Accade in “Frankenstein serial. La creatura ha ancora bisogno d’amore“, inserto radiofonico che fino al 2 febbraio ravviverà quotidianamente il palinsesto di Radio 3 Scienza, storico programma di approfondimento scientifico di Radio 3.

A cura degli scrittori Lorenzo Pavolini e Chiara Valerio, e grazie alla voce di Tommaso Ragno (che aveva già splendidamente prestato la sua voce a “The beast” già nella lettura alla radio del romanzo di Mary Shelley), Nila Prisco, Valerio Giannetti e Federica Barozzi, ci conducono alla scoperta di Frankenstein che, a duecento anni dalla sua prima apparizione in una notte di tempesta, torna a bussare alle nostre porte per chiedere ospitalità. Simbolo di una scienza che inventa qualcosa di cui ha paura e di una umanità che non sa amare abbastanza le proprie creature è ormai stanco di vagare, scacciato da tutti, incanaglito da decenni di fregature e aggressioni gratuite. Ma ha, come si dice in questi casi, la classica ultima chance.

Un radiodramma scientifico che a ogni puntata racconterà le vicende della creatura e della sua giovane amica Nina, attenti ad origliare quanto si dicono i genitori di Nina, Giorgio e Rossella, adulti che hanno deciso di abbandonare la città e rifugiarsi in campagna, e che affronterà alcune domande al limite dell’assurdo. Qui la divulgazione scientifica incontra lo storytelling. La risposta per ognuno dei quesiti-puntata, infatti, sarà affidata a esperti di scienza. E così Stefano Mancuso si misurerà con la domanda “Alle piante dell’orto fa bene essere accarezzate?”, oppure “è possibile svaccinarsi?” a cui prova a ribattere Silvia Bencivelli. Seguirà “chi ci dà la patente di genitori?” che non sconcerta Chiara Lalli, come la questione “se l’universo è elettrico?” è pane per i denti dell’astrofisica Sandra Savaglio. E ancora: “che fine farà l’isola di plastica?” una questione cui può rispondere la manager della sostenibilità Gloria Zavatta, fino a interrogare il metereologo Luca Mercalli sulle bizze climatiche così simili a quelle che 200 anni fa per una eruzione vulcanica nel pacifico portarono all’estate senza sole durante la quale fu concepito il romanzo/mostro.

Ad arricchire il programma, a cura di Anna Antonelli e Fabiana Carobolante, le musiche dei Quintorigo. Perfetto contorno alla sostanza di “Frankenstein serial”, dove tra un mostro che incarna la fede nella scienza  e una bambina adottata da due persone che cercano di rendere forza e racconto una loro rinuncia, stanno gli scienziati a rispondere che l’unica forma di perdono, di noi stessi e del mondo, è conoscere. Perché solo chi conosce non ha paura nemmeno dei mostri.

Fonte: Frankenstein serial, il radiodramma scientifico a 200 anni dalla nascita della “Creatura”

Boom musei, Campania al top: “Il vero petrolio è l’archeologia”

Boom musei, Campania al top: “Il vero petrolio è l’archeologia”

A leggere il rapporto del MiBact sulle presenze nei siti culturali italiani nel 2017 emerge chiara una tendenza: il vero petrolio italiano è l’archeologia. Oltre un terzo dei visitatori complessivi, infatti, si è riversato in massa per ammirare le testimonianze del nostro passato. A livello nazionale, certo, ma ancor di più nel caso della Campania. Da Pompei al Museo Archeologico di Napoli, ma non solo. Nel presentare il report dell’Ufficio statistica del Mibact sui record raggiunti dai musei statali nel 2017, il ministro Dario Franceschini si è molto concentrato sulla situazione della principale regione del Mezzogiorno. Per il secondo anno consecutivo, infatti, la Campania si è aggiudicata la seconda posizione in termini di visitatori, dopo l’irraggiungibile Lazio. Con circa nove milioni di visitatori, infatti, ha scalzato ancora una volta la Toscana. Guardando poi alle performance dei diversi siti culturali, fa notare il ministro, è ormai possibile parlare di vero e propria rinascita

La rinascita di Pompei è stata sicuramente da traino, ma sono state molto positive anche le altre esperienze delle gestioni autonome dalla Reggia di Caserta, al Museo archeologico Nazionale di Napoli, a Capodimonte, a Paestum.

Al di là della conferma Pompei, secondo bene culturale italiano più visitato dopo il Colosseo, nella Top 30 dei siti più visitati, infatti, ben quattro siti campani fanno registrare la crescita più sostenuta: la Reggia di Caserta (+23%), il Parco archeologico di Ercolano (+17%), il Museo archeologico di Napoli (+16%) e Paestum (+15%). Entra per la prima volta in questa speciale classifica il Museo di Capodimonte, sempre a Napoli, che vanta l’annesso parco, che tra i luoghi gratuiti più visitati del nostro Paese è secondo dietro il Pantheon di Roma con oltre un milione di presenze.

Anche in Campania, come emerge dal Report di fine anno del ministero, la distribuzione dei visitatori nel nostro patrimonio culturale, permette di comprendere come oltre un terzo dei visitatori complessivi sia per i siti archeologici, a conferma che il vero petrolio della cultura nel nostro Paese, è l’archeologia.

Fonte: Boom musei, Campania al top: “Il vero petrolio è l’archeologia”

Bricolage, quali gli attrezzi indispensabili

Bricolage, quali gli attrezzi indispensabili

Ci sono persone che vi si dedicano per semplice passione, mentre altre lo fanno per risparmiare un pò di denaro e non fare ricorso a dei professionisti, il bricolage comunque risulta essere un'attività molto diffusa tra gli italiani. E, ultimamente, navigando su internet, si possono trovare siti che offrono dei consigli sul "fai da te", sugli strumenti più adatti in base all'attività da svolgere e le marche migliori, come ad esempio http://www.tecnoferr.it/.

Comunque, che si voglia acquistare direttamente su internet oppure recarsi in un negozio specializzato, magari toccando con mano o vedendo con i propri occhi un materiale o un prodotto, in casa è necessario avere gli attrezzi indispensabili, per ogni evenienza o riparazione. E quindi un set di strumenti che nel tempo è sempre possibile ampliare, in base alle attività svolte o alle riparazioni effettuate più di frequente. Scopriamo quali attrezzi devono essere necessariamente presenti in ogni abitazione.

Il set di base per il bricolage

Premettendo che ciascuno strumento, anche il più semplice, deve essere utilizzato con attenzione e precisione, ciascuna persona può avvicinarsi a quest'attività interessante ed utile. Una delle prime cose che si devono tenere in casa sono naturalmente delle viti e dei chiodi. E' bene averne di varie dimensioni e caratteristiche: da quelli con punta a croce o piatta a quelli in acciaio o i fisher. Sono in commercio, fortunatamente, anche dei pacchetti già pronti e suddivisi per genere.

Indispensabili sono anche i cacciavite, sempre di dimensioni variabili e per diversi usi, oltre ai tradizionali martelli, di cui è possibile sceglierne il peso e forma. A questi si devono aggiungere poi almeno una pinza o un pappagallo con presa regolabile. Inoltre, è sempre utile avere in casa un set di chiavi inglesi, dalla numerazione variabile. Necessarie sono anche delle chiavi a brugola ed un tronchese per tagliare eventuali fili di metallo.

A tutto questo, poi, si possono aggiungere della carta vetrata, del nastro isolante, dei pennelli di varie dimensioni ed un metro. Per la sicurezza durante i lavori, inoltre, è consigliabile avere a portata di mano anche dei guanti e degli occhialini, a cui abbinare una mascherina, nel caso si utilizzassero anche degli spray o vernici.  E se questo set di attrezzi manuali non dovesse bastare per le nostre attività, si può fare ricorso, soprattutto per quelle più complesse o faticose, anche a strumenti elettrici.

Attrezzatura elettrica per il bricolage

Immancabile in un'abitazione deve essere il trapano, completo di punte specifiche per perforare muri o il legno. In alcuni casi può essere utile anche un avvitatore elettrico, che permetta di facilitare diversi compiti e renderli meno gravosi o stancanti. Poi, a coloro che amano lavorare col legno o tendono spesso ad utilizzarlo nelle varie attività, non dovrebbero mancare una levigatrice o dei seghetti. Il tutto da usare, come al solito, con molta attenzione.

Cosa cercano i neo diciottenni per una festa di compleanno indimenticabile?

Cosa cercano i neo diciottenni per una festa di compleanno indimenticabile?

Organizzare una festa indimenticabile per un neo diciottenne non è così difficile come può apparire in un primo momento. Certo, l'importante è immedesimarsi in lui e nei suoi desideri: questo significa che se non si hanno più vent'anni può essere utile parlare a lungo con il festeggiato per conoscere i suoi desideri, per capire quali sono i suoi gusti e come immagina la sua festa dei sogni. Generalmente i neo diciottenni preferiscono festeggiare con i loro coetanei, senza adulti nei dintorni e men che meno parenti o genitori a supervisionare con occhio critico tutte quello che succede (e magari a porre limiti e divieti).

Per questo motivo, è sempre meglio, se si vuole festeggiare anche con i parenti, organizzare due feste diverse; oppure, in alternativa, predisporre nella stessa festa momenti diversi. Per cui si può fare una cena coi parenti e poi farsi raggiungere dagli amici per la torta e i balli fino a notte inoltrata, quando zii e nonni si saranno già ritirati in buon ordine. La musica – della buona musica commerciale e non solo – è fondamentale per la buona riuscita di una festa di diciotto anni.

Le cose da non lasciare al caso nei festeggiamenti

In particolar modo, è importante scegliere un dee-jay o animatore in grado sia di mettere i dischi che più piacciono ai ragazzi oggi, ma anche di coinvolgere appieno tutti quanti, anche i più restii a lasciarsi andare. Rivolgendosi a strutture collaudate, no si avranno problemi di alcun genere sulla scelta del personale, perchè saranno loro stessi a proporre un staff affiatato e soprattutto collaudato. Per essere perfettamente riuscita, una festa deve infatti coinvolgere un pò tutti; nessuno deve rimanere ad annoiarsi in un angolo, anche perché se la gente che si annoia è tanta può sfociare davvero in un clamoroso insuccesso, con persone che vanno via prima della fine o, ancora peggio, la formazione di piccoli gruppetti che se ne stanno a chiacchierare per i fatti proprio.

Per questo motivo, dopo aver provveduto a garantire agli ospiti buona musica, ottimo cibo e una moderata quantità di alcolici (si tratta pur sempre di una festa di diciotto anni, ed è bene non esagerare!), la prima cosa da fare è farli divertire tutti contando sull'aiuto di animatori professionisti che ovviamente mettano il festeggiato al centro di ogni scherzo o attività ludica. A questo punto il gioco è fatto e come dice un vecchio detto, "comunque vada, sarà un successo"!

Frontex: Sbarchi migranti -34% nel 2017

Frontex: Sbarchi migranti -34% nel 2017

Il 2017 è stato segnato da un netto calo di sbarchi di migranti in Italia. Record di arrivi in Spagna. Sono i dati forniti dall’agenzia europea Frontex.

Sbarchi migrantiI migranti arrivati in Europa attraverso la rotta centro-mediterranea, che riguarda soprattutto l’Italia, sono calati del 34% nel 2017. I migranti sbarcati nel nostro Paese sono stati 119 mila, ben 62.126 in meno rispetto ai 181.126 del 2016. Sono dati dell’agenzia europea Frontex. Il 2016 è stato l’anno del record di sbarchi di migranti sulle coste dell’Italia.

L’esodo di migranti dall’Africa verso l’Italia è calato nel 2017 con l’entrata in vigore del codice di condotta per le Organizzazioni Non Governative(ONG) nel Mediterraneo. Nel primo semestre, infatti, si era registrato un altro record di sbarchi. Un migrante su sette arrivato in Italia era di nazionalità nigeriana. Questo dato dovrebbe far riflettere. La presenza di Boko Haram in una parte della Nigeria non giustifica l’esodo di massa verso l’Italia. Perché i nigeriani arrivano in Italia? La risposta è sotto gli occhi di tutti ma nessun osa dirlo. I nigeriani che arrivano nel nostro Paese finiscono in strada, a spacciare droga o a prostituirsi nelle reti della mafia nigeriana. Ma torniamo ai dati di Frontex. Nella classifica degli sbarchi italiani troviamo al secondo posto i cittadini della Guinea davanti a quelli della Costa d’Avorio. Nel complesso i migranti giunti nei Paesi UE sono stati in tutto 204.300, 60% in meno rispetto al 2016. Solo la Spagna ha registrato un raddoppio degli arrivi. Il numero di migranti che hanno raggiunto la costa spagnola dall’Africa settentrionale sono 22.900, il numero più alto da quando Frontex ha iniziato a raccogliere sistematicamente i dati nel 2009. Il 40% dei migranti arrivati in Spagna erano cittadini dell’Algeria e del Marocco.

Fonte: Frontex: Sbarchi migranti -34% nel 2017

Epifania: il vero significato di un nome che è molto più di una data (e la befana c’entra)

Epifania: il vero significato di un nome che è molto più di una data (e la befana c’entra)

Epiphàneia. Greco. Viene dal verbo epiphànein, composto di epì “dall’alto” e phànein “apparire”, e propriamente significò la manifestazione della divinità. Nasce quindi già con un significato religioso, per quanto pagano. In particolare, in Grecia, le epifania (dato che in greco è un plurale), erano le feste dedicate a una particolare divinità, che durante queste celebrazioni si manifestava. Non che Poseidone arrivasse col suo corteo di ippocampi e tritoni: la manifestazione degli dèi, per quanto vibrante e sentita presente era segreta, intima. Le divinità si palesavano nel naos, il cuore segreto e inaccessibile del tempio.

Dopo che il Cristianesimo ebbe prevalso sulle religioni pagane, installò molte delle proprie feste sulle loro precedenti liturgie, in modo da scalzarle definitivamente. Delle molte epifanie, così, ne rimase solo una (che nell’uso corrente diventa un singolare), quella di Cristo. La festa si assestò definitivamente durante il IV secolo: questa celebrazione, che ricorre il 6 gennaio, viene chiamata ‘Epifania’ perché ricorda la prima manifestazione pubblica di Cristo, con l’omaggio che gli fu reso dai Re Magi – figure che nel canone della Chiesa sono decisamente evanescenti, anche se la tradizione le ha poi molto arricchite.

Ma dicevamo che l’epifania può essere altro, e può svincolarsi da un significato strettamente religioso (anche se resta colorato di spiritualità). L’epifania passa ad essere una generica rivelazione. Si tratta di un significato reso celebre da Joyce nella sua raccolta di racconti Dubliners (in italiano tradotto come “Gente di Dublino”): in questi, capita che un’esperienza, una situazione o l’osservazione di un particolare porti un personaggio a una profonda riconsiderazione di sé e della sua vita. Una realizzazione improvvisa, tanto intima quanto sconvolgente. Così la notizia di una malattia diventa un’epifania che ci fa capire che cosa vogliamo fare, chi vogliamo essere; abbiamo un’epifania sulle ragioni del comportamento di un’altra persona vivendo le sue stesse esperienze; la meraviglia dipinta sul volto del turista ci travolge con un’epifania su quella bellezza di casa nostra che vediamo ogni giorno e non notiamo. Quindi è una sorta di illuminazione, qualcosa che (come ci ricorda l’etimo) ci appare dall’alto. Mica male, eh? Non sarà una manifestazione divina, ma ci assomiglia.

Ah, e la Befana? Epifania-Befana, Epifania-Befana. ‘Befana’ altro non è che una storpiatura di ‘Epifania’: come ‘Epifania’ descrive la festa del 6 gennaio, ma in più, per le vie misteriose di una tradizione in cui non ci addentreremo, anche la vecchia che vien di notte e porta dolci e doni.

Fonte: Epifania: il vero significato di un nome che è molto più di una data (e la befana c’entra)

Venezia, due noccioli di pesca di 1300 anni fa svelano la vera età della Serenissima

Venezia, due noccioli di pesca di 1300 anni fa svelano la vera età della Serenissima

In due noccioli di pesca dell’età di 1300 anni rinvenuti sotto a un pavimento a mosaico nella Basilica di San Marco, a Venezia, sarebbe nascosto il segreto sulla vera età della città lagunare. L’incredibile reperto, rinvenuto a oltre quattro metri di profondità nella basilica visitata ogni anno da migliaia di turisti, sposterebbe indietro la datazione relativa alla edificazione della Serenissima di quasi due secoli. I risultati della scoperta sono stati pubblicati lo scorso dicembre sulla rivista Antiquity, a cura degli archeologi della Colgate University nello stato di New York, negli Stati Uniti.

Come mai è possibile risalire a questa nuova datazione da due avanzi di un frutto? Dagli esami effettuali, gli esperti della Colgate University sono giunti alla conclusione che i noccioli ritrovati risalgono a un periodo compreso tra il 650 e il 770 dopo Cristo, il che significa che sono di di quasi due secoli più anziani della basilica, voluta da Giustiniano Partecipazio, e costruita accanto al Palazzo Ducale nell’820 d.C. per ospitare le reliquie di San Marco trafugate, secondo la tradizione, ad Alessandria d’Egitto da due mercanti veneziani. Secondo gli archeologi i noccioli delle pesche crescono in un anno, il che li rende perfetti per la datazione al carbonio.

Questa scoperta apre la porta a nuovi studi e ricerche da effettuare in futuro. I frammenti di ceramica e di metallo ritrovati attorno ai due noccioli sotto il pavimento a mosaico nella Basilica di San Marco, saranno utili per provare a confermare la nuova datazione sulla città di Venezia. Secondo il Chronicon Altinate, il primo insediamento a Venezia sulla Riva Alta, quella che noi oggi conosciamo come Rialto, risalirebbe al 25 marzo del 421 con la consacrazione della chiesa di San Giacometo sul Canal Grande. Adesso bisognerà capire in che modo i due noccioli di pesca possono cambiare definitivamente la storia.

Fonte: Venezia, due noccioli di pesca di 1300 anni fa svelano la vera età della Serenissima

Giovanni Allevi a Bologna con Equilibrium Tour

Giovanni Allevi a Bologna con Equilibrium Tour

Giovanni Allevi arriva al Teatro Duse di Bologna con la sua nuova grande tournée di pianoforte e archi: Equilibrium Tour, oltre 20 concerti che prendono il nome dal suo ultimo progetto discografico Equilibrium”, uscito lo scorso 20 ottobre. L’appuntamento a Bologna è giovedì 4 gennaio, alle ore 21.

L’artista sarà sul palco con il pianoforte accompagnato da 13 selezionati Archi dell’Orchestra Sinfonica Italiana. Si tratta di una formazione inedita e intima, che darà vita alle  note dell’ultimo album di studio di Allevi. Allevi, durante il concerto assumerà tutti i diversi ruoli che o contraddistinguono tra “compositore, pianista e direttore d’orchestra”, attraverso una scaletta che vedrà alternare le atmosfere seducenti delle nuove composizioni e i brani più celebri della sua ventennale carriera.

Allevi ha avuto una prima fama nel 1997, quando Jovanotti gli fece pubblicare 13 dita, poi ha realizzato Composizioni (ancora con l’etichetta discografica di Jovanotti), No Concept, Joy (registrato senza averlo mai suonato prima, se non nella sua mente), Evolution (2008), Alien (2010), Sunrise (2012), Love (2015, registrato negli Abbey Road Studios di Londra).

L’”Equilibrium Tour” è stato anticipato lo scorso 15 novembre da una première al Teatro dal Verme di Milano insieme all’Orchestra Sinfonica Italiana di 60 elementi. In quell’occasione è stato eseguito per la prima volta in Europa, dopo la première mondiale negli Usa dello scorso 26 agosto, anche il “Concerto per Pianoforte e Orchestra n.1”, la nuova composizione contenuta nell’ultimo album di Allevi, che vede al pianoforte il virtuoso Jeffrey Biegel e alla direzione il Maestro Jeffrey Reed, mentre nella seconda parte del concerto è stato lo stesso Giovanni Allevi a salire sul palco per l’esecuzione delle altre nuove composizioni di “Equilibrium”.

info: http://www.teatrodusebologna.it/

Fonte: Giovanni Allevi a Bologna con Equilibrium Tour

Assicurazione e cilindrata delle automobili

Assicurazione e cilindrata delle automobili

Per poter circolare liberamente con un'automobile per le strade italiane, bisogna possedere un'assicurazione per la propria vettura. La scelta di una polizza, così come la cancellazione RC auto ed il passaggio successivo ad un'altra compagnia, possono dipendere da diversi fattori, tra cui anche il costo del premio assicurativo che ciascun proprietario deve affrontare. Su tale costo, a sua volta, incidono vari parametri: dall'età del conducente alla sua provincia di residenza, dalle classi di merito ai cavalli di potenza del veicolo.

E proprio in quest'ultimo caso, alcune volte, può capitare di non avere chiare le idee, in quanto le stesse compagnie di assicurazione tendono a prendere in considerazione alcuni parametri specifici o particolari per determinare la cilindrata dell'automobile. Si parla, in questo caso, di cavalli fiscali di una vettura, per poterne calcolare la potenza effettiva e, di conseguenza, individuare l'esatto costo del premio assicurativo a carico dell'automobilista.

Potenza effettiva e potenza fiscale di una vettura

In pratica, la potenza effettiva di un'automobile si determina in base a due valori: il Cavallo Vapore (CV) ed il KiloWatt, che equivale a 1,36 CV. Ed è proprio il livello di tale potenza effettiva che va ad incidere sul costo dell'assicurazione da un lato e del bollo annuale dall'altro. Infatti, per alcune tipologie di veicoli che superino una certa potenza, un'automobilista deve pagare un bollo maggiorato.

Generalmente, le varie società d'assicurazione calcolano la potenza fiscale di una vettura suddividendo quella effettiva in fasce, che possono andare da 9 a 45. A ciascun numero di cavalli fiscali corrisponde in pratica una fascia e quindi il livello di cilindrata di una vettura. Se la prima fascia equivale ad un valore tra i 570 ed i 670 cc, l'ultima invece rappresenta un motore che varia tra i 6670 ed i circa 6900 cc. Ad esempio, 20 cavalli fiscali corrispondono ad una potenza tra i 1930 ed i 2080 cc di cilindrata di un veicolo.

Costi complessivi dell'assicurazione

Naturalmente, a livello di tariffe dei premi assicurativi, possedere un'automobile da 13 cavalli fiscali (quindi circa un 1000 di cilindrata) è nettamente differente e meno dispendioso rispetto ad averne una da ben 23 cavalli e quindi di potenza di circa 2000 cc. Come detto, tuttavia, questo è solo un parametro di cui le differenti compagnie d'assicurazione tengono conto per determinare il costo complessivo di una polizza.

Infatti, oltre alla cilindrata della vettura a cui viene associata una tariffa determinata base, si abbinano a questa anche altri parametri. Tra cui, la classe di merito assegnata al conducente (una sorta di classificazione della propensione agli incidenti di quest'ultimo e relativi danni provocati), la provincia o città di residenza e l'età di questi. Infatti, ridotta è l'esperienza e gli anni di guida di un automobilista e maggiore, secondo le compagnie, è la probabilità di effettuare incidenti.

La tassa sui sacchetti di frutta e verdura

La tassa sui sacchetti di frutta e verdura

La tassa sui sacchetti di frutta e verduraDal primo gennaio 2018 sono diventati a pagamento i sacchetti monouso per frutta e verdura dei supermercati. Tuta colpa dell’emendamento approvato il 3 agosto 2017 in commissione con voto compatto del gruppo del Partito Democratico. La nuova tassa è stata inserito nel DL Mezzogiorno, con l’articolo 9-bis della legge di conversione n. 123 del 3 agosto 2017.

L’obiettivo della norma è adeguarsi alle richieste dell’Unione Europea. Peccato che Bruxelles aveva chiesto agli Stati membri “solo” di scoraggiare l’uso delle buste monouso ma non rendeva obbligatorio tassarle, suggerendo anzi di favorirne la sostituzione con materiali riciclabili. Il PD di Matteo Renzi ha aggiunto un meccanismo diabolico: ai supermercati è vietato regalare i sacchetti ai clienti, pena una multa da 2.500 a 100 mila euro. Ma non finisce qui. Per ragioni igieniche sarà vietato portare da casa i sacchetti da utilizzare all’interno del supermercato per imbustare frutta, verdura, ma anche il pane e altri alimenti sfusi. Questo significa che il consumatore sarà costretto a pagare i sacchetti ogni volta che acquisterà frutta e verdura. Il costo dei sacchetti biodegradabili di frutta e verdura al supermercato sarà compreso tra i 2 e i 10 centesimi. Il consumo pro-capite è stimato in 180 sacchetti monouso all’anno per un giro d’affari che sfiorerebbe i 400 milioni di euro, incassati in parte dal distributore, in parte dal produttore e in parte anche dallo Stato sotto forma di IVA o imposta sui reddito.

Chi è il produttore che ci guadagna?

La norma sgrava la grande distribuzione, che in Italia conta un player storicamente legato alla sinistra, la Coop, dal costo degli shopper, riversandolo sul cliente. Peccato che il consumatore potrebbe evitare i supermercati e andare nei mercatini a comprare frutta e verdura per non pagare la tassa. Gli unici ad applaudire pubblicamente la norma sono i vertici di Assobioplastiche, il cui presidente, Marco Versari, è stato portavoce del maggiore player del settore, la Novamont, già nota per aver inventato i sacchetti di MaterBi, il materiale biodegradabile a base di mais. L’amministratore delegato della Novamont è Catia Bastioli, una capace manager che ha incrociato più volte la strada del Partito Democratico e di Renzi. Nel 2011 partecipa come oratore alla seconda edizione della Leopolda. Nel 2014, pur mantenendo l’incarico alla Novamont, viene nominata presidente di Terna, colosso che gestisce le reti dell’energia elettrica del Paese. La Novamont è l’unica italiana che produce il materiale per produrre i sacchetti biodegradabili e detiene l’80% del mercato.

Fonte: La tassa sui sacchetti di frutta e verdura

Frankenstein compie 200 anni: tra letteratura e cinema il vero supereroe è lui

Frankenstein compie 200 anni: tra letteratura e cinema il vero supereroe è lui

Indomito ed eterno Frankenstein. Decine di film, adattamenti teatrali e libri a non finire. Anche se in verità il primo romanzo, ad opera della scrittrice britannica Mary Shelley, ha appena compiuto 200 anni. Esattamente il 1 gennaio 1818 a Londra fu pubblicata la prima edizione della storia sul “mostro”, che ci parla di temi importantissimi, il rapporto tra l’uomo e i progressi della scienza, l’essenza della vita, i limiti tra umano e artificiale. Il “mostro” nato dalla mente dal professor Victor è da quasi due secoli entrato nell’immaginario collettivo come simbolo di paura.

Mary Shelley aveva soltanto 19 anni quando, nel 1816, iniziò quell’estate che avrebbe reso noto il suo nome in tutto il mondo. Insieme al marito Percy, alla sorellastra Claire e a Lord Byron visse alcuni mesi nei pressi di Ginevra: un luogo che è passato alla storia perché qui Mary scrisse il suo Frankenstein. Lo scopo del viaggio doveva essere quello di allontanarsi per un po’ dagli occhi indiscreti della società per evitare un grave scandalo che incombeva sulla famiglia: Claire aveva da poco iniziato una relazione con Lord Byron, ed era rimasta incinta. Ma, al di là dei turbolenti rapporti familiari che accompagneranno sempre la giovane Mary, l’estate trascorsa a Ginevra sarà una delle più ricche e feconde per la sua vita di scrittrice: qui, stimolata dalle giornate trascorse a discutere degli argomenti più disparati, di notte Mary inizia a “sognare” quello che sarà il suo capolavoro.

Solo nel 1831, però, quando apparve la seconda edizione, Mary Shelley ne rivendicò la maternità. Scritto dopo la sfida gettata da Lord Byron, che propose durante un soggiorno a Ginevra di comporre alcune storie di fantasmi, negli anni si sono susseguiti più di cento opere di narrativa, decine di adattamenti teatrali e infinite riduzioni cinematografiche. Moltissimi gli adattamenti al cinema che hanno contribuito a determinare la fama del mito di Frankenstein. Il primo cortometraggio muto risale al 1910, ma è nel 1931 che il registra James Whale mise in scena il primo film sulla vera storia del dottor Victor. Uno dei successi più acclamati dal pubblico fu “Frankenstein Junior”, opera del regista Mel Brooks nel 1974 che oggi compie 44 anni. Campione d’incassi al botteghino, la pellicola è una parodia del romanzo di Mary Shelley ed è stato girato interamente in bianco e nero in stile anni Trenta Negli ultimi anni la storia del mostro è tornata sul grande schermo. Nel 2015 è uscito “Victor. La storia segreta del dottor Frankenstein” di Paul McGuigan con l’attore di Harry Potter, Daniel Radcliffe. L’ultima versione è del 2016, per la regia di Bernard Rose, dove il mostro viene abbandonato per le strade di Los Angeles da due folli scienziati.

Fonte: Frankenstein compie 200 anni: tra letteratura e cinema il vero supereroe è lui

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

Il congiuntivo nella lettera al Corriere.

Sarebbe opportuno che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo i percorsi professionali“.

Ci sarebbe voluto un ‘proseguisse’, è chiaro, ed è un brutto errore: figuriamoci, toppare malamente un congiuntivo scrivendo qualcosa che viene pubblicato sul Corriere della Sera, e non solo! sei perfino la ministra dell’istruzione. Classico scenario da incubo, in cui sei anche in mutande. Da harakiri, ma anche no.
Se ne è presa la colpa il suo portavoce, ma poco importa. Chi si è mai trovato a dover scrivere notevoli moli di lettere, comunicati, articoli, specie se non come unico autore, ma dovendo sottoporre bozze, accogliere suggerimenti, trasmettere o applicare correzioni e via dicendo sa che l’incoerenza sintattica è un pericolo dietro a ogni angolo. A me succede non di rado: correggo una frase e non mi accorgo che in questo modo non torna più. Figuriamoci quanto è facile se i cuochi sono più di uno. Anche io in questi casi mi sento dire “che ignorante, si studiasse l’italiano!”. Ma ci si deve ricondurre al “chi non fa non falla”. Più scrivi, più parli, più è probabile che tu sbagli. Meglio se non succede, ma fossero questi i mali della lingua e della politica.

Il più migliore in streaming.

C’è il rafforzamento della formazione per i docenti, che svolgono le funzioni di tutor dedicati all’alternanza, perché offrono percorsi e assistenza sempre più migliori a studenti e a studentesse“.

‘Più migliore’ non si dice, anche questo è chiaro. ‘Migliore’ è un comparativo, e vale ‘più buono’: sarebbe quindi un inaccettabile ‘più più buono’. Qualcuno ha difeso la ministra (come Sofri e Bartezzaghi) notando che non si tratta di una regola scolpita nel marmo, che nella nostra storia letteraria non mancano eccellenti casi d’uso di ‘più migliore’, e che verosimilmente si tratta della mera giustapposizione di ‘sempre più’ a ‘migliori’, come fosse un inciso (girandolo diventa un accettabile ‘migliori sempre più’). C’è chi le ha viste come difese inconsistenti (come Arcangeli).
Qui stiamo parlando di un discorso letto: il testo è scritto bene ma magari parlando si fanno errori, o è scritto male e ce ne accorgiamo troppo tardi, o sono tutti un grande baraccone di ignoranti. Vista l’inverificabilità delle ipotesi che si possono fare in merito, senza spingersi a giustificare (in maniera plausibile) l’errore, la cortesia intelligente chiede indulgenza: è un errore che capita piuttosto di frequente, e non richiede di corprirsi il capo di cenere, assunzioni di colpa ufficiali. La sua rilevanza è infima, anche se lo fa un ministro. Anche se è brutto e sciocchino.

La nota di ringraziamento al comune di Cremona.

Sono stata onorata di essere stata invitata qui nel comune di Cremona città di cultura, di musica, di futuro.

Si tratta di una nota di ringraziamento, scritta a mano. La ministra ha qui voluto esprimere il suo sentimento (umano o istituzionale): si è sentita onorata d’essere statata invitata a Cremona, grande città di grandi cittadini. Anche in questo caso, apriti cielo, “La Fedeli ci ricasca”, “La ministra che non sa la grammatica colpisce ancora”. Invece no. Troppa attenzione a queste minuzie, troppo rinforzo positivo sul fatto che è bello e giusto bacchettare la ministra porta a esagerare. “Sono stata onorata di essere stata invitata qui” significa “Mi sono sentita onorata di essere stata invitata qui”. Non c’è errore. Magari non è la frase più liscia ed elegante ch’io abbia mai letto, magari avrei detto “Mi sento onorato di essere stato invitato a Cremona” per rimarcare che l’onore sentito al momento dell’invito perdura.

Parlare dei congiuntivi di Di Maio, della ministra Fedeli e di centinaia di altri politici non porta da nessuna parte. Si vede l’errore, si fa notare l’errore e avanti: di rado concentrarsi sull’ortografia schiude una visione critica d’insieme. E peraltro, fra una giusta correzione e il bullismo il passo è breve breve. Anche perché si parla di politica: la sostanza da criticare non manca mai, vogliamo davvero guardare la pagliuzza più della trave?

Fonte: E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

Il congiuntivo nella lettera al Corriere.

Sarebbe opportuno che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo i percorsi professionali“.

Ci sarebbe voluto un ‘proseguisse’, è chiaro, ed è un brutto errore: figuriamoci, toppare malamente un congiuntivo scrivendo qualcosa che viene pubblicato sul Corriere della Sera, e non solo! sei perfino la ministra dell’istruzione. Classico scenario da incubo, in cui sei anche in mutande. Da harakiri, ma anche no.
Se ne è presa la colpa il suo portavoce, ma poco importa. Chi si è mai trovato a dover scrivere notevoli moli di lettere, comunicati, articoli, specie se non come unico autore, ma dovendo sottoporre bozze, accogliere suggerimenti, trasmettere o applicare correzioni e via dicendo sa che l’incoerenza sintattica è un pericolo dietro a ogni angolo. A me succede non di rado: correggo una frase e non mi accorgo che in questo modo non torna più. Figuriamoci quanto è facile se i cuochi sono più di uno. Anche io in questi casi mi sento dire “che ignorante, si studiasse l’italiano!”. Ma ci si deve ricondurre al “chi non fa non falla”. Più scrivi, più parli, più è probabile che tu sbagli. Meglio se non succede, ma fossero questi i mali della lingua e della politica.

Il più migliore in streaming.

C’è il rafforzamento della formazione per i docenti, che svolgono le funzioni di tutor dedicati all’alternanza, perché offrono percorsi e assistenza sempre più migliori a studenti e a studentesse“.

‘Più migliore’ non si dice, anche questo è chiaro. ‘Migliore’ è un comparativo, e vale ‘più buono’: sarebbe quindi un inaccettabile ‘più più buono’. Qualcuno ha difeso la ministra (come Sofri e Bartezzaghi) notando che non si tratta di una regola scolpita nel marmo, che nella nostra storia letteraria non mancano eccellenti casi d’uso di ‘più migliore’, e che verosimilmente si tratta della mera giustapposizione di ‘sempre più’ a ‘migliori’, come fosse un inciso (girandolo diventa un accettabile ‘migliori sempre più’). C’è chi le ha viste come difese inconsistenti (come Arcangeli).
Qui stiamo parlando di un discorso letto: il testo è scritto bene ma magari parlando si fanno errori, o è scritto male e ce ne accorgiamo troppo tardi, o sono tutti un grande baraccone di ignoranti. Vista l’inverificabilità delle ipotesi che si possono fare in merito, senza spingersi a giustificare (in maniera plausibile) l’errore, la cortesia intelligente chiede indulgenza: è un errore che capita piuttosto di frequente, e non richiede di corprirsi il capo di cenere, assunzioni di colpa ufficiali. La sua rilevanza è infima, anche se lo fa un ministro. Anche se è brutto e sciocchino.

La nota di ringraziamento al comune di Cremona.

Sono stata onorata di essere stata invitata qui nel comune di Cremona città di cultura, di musica, di futuro.

Si tratta di una nota di ringraziamento, scritta a mano. La ministra ha qui voluto esprimere il suo sentimento (umano o istituzionale): si è sentita onorata d’essere statata invitata a Cremona, grande città di grandi cittadini. Anche in questo caso, apriti cielo, “La Fedeli ci ricasca”, “La ministra che non sa la grammatica colpisce ancora”. Invece no. Troppa attenzione a queste minuzie, troppo rinforzo positivo sul fatto che è bello e giusto bacchettare la ministra porta a esagerare. “Sono stata onorata di essere stata invitata qui” significa “Mi sono sentita onorata di essere stata invitata qui”. Non c’è errore. Magari non è la frase più liscia ed elegante ch’io abbia mai letto, magari avrei detto “Mi sento onorato di essere stato invitato a Cremona” per rimarcare che l’onore sentito al momento dell’invito perdura.

Parlare dei congiuntivi di Di Maio, della ministra Fedeli e di centinaia di altri politici non porta da nessuna parte. Si vede l’errore, si fa notare l’errore e avanti: di rado concentrarsi sull’ortografia schiude una visione critica d’insieme. E peraltro, fra una giusta correzione e il bullismo il passo è breve breve. Anche perché si parla di politica: la sostanza da criticare non manca mai, vogliamo davvero guardare la pagliuzza più della trave?

Fonte: E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

Il congiuntivo nella lettera al Corriere.

Sarebbe opportuno che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo i percorsi professionali“.

Ci sarebbe voluto un ‘proseguisse’, è chiaro, ed è un brutto errore: figuriamoci, toppare malamente un congiuntivo scrivendo qualcosa che viene pubblicato sul Corriere della Sera, e non solo! sei perfino la ministra dell’istruzione. Classico scenario da incubo, in cui sei anche in mutande. Da harakiri, ma anche no.
Se ne è presa la colpa il suo portavoce, ma poco importa. Chi si è mai trovato a dover scrivere notevoli moli di lettere, comunicati, articoli, specie se non come unico autore, ma dovendo sottoporre bozze, accogliere suggerimenti, trasmettere o applicare correzioni e via dicendo sa che l’incoerenza sintattica è un pericolo dietro a ogni angolo. A me succede non di rado: correggo una frase e non mi accorgo che in questo modo non torna più. Figuriamoci quanto è facile se i cuochi sono più di uno. Anche io in questi casi mi sento dire “che ignorante, si studiasse l’italiano!”. Ma ci si deve ricondurre al “chi non fa non falla”. Più scrivi, più parli, più è probabile che tu sbagli. Meglio se non succede, ma fossero questi i mali della lingua e della politica.

Il più migliore in streaming.

C’è il rafforzamento della formazione per i docenti, che svolgono le funzioni di tutor dedicati all’alternanza, perché offrono percorsi e assistenza sempre più migliori a studenti e a studentesse“.

‘Più migliore’ non si dice, anche questo è chiaro. ‘Migliore’ è un comparativo, e vale ‘più buono’: sarebbe quindi un inaccettabile ‘più più buono’. Qualcuno ha difeso la ministra (come Sofri e Bartezzaghi) notando che non si tratta di una regola scolpita nel marmo, che nella nostra storia letteraria non mancano eccellenti casi d’uso di ‘più migliore’, e che verosimilmente si tratta della mera giustapposizione di ‘sempre più’ a ‘migliori’, come fosse un inciso (girandolo diventa un accettabile ‘migliori sempre più’). C’è chi le ha viste come difese inconsistenti (come Arcangeli).
Qui stiamo parlando di un discorso letto: il testo è scritto bene ma magari parlando si fanno errori, o è scritto male e ce ne accorgiamo troppo tardi, o sono tutti un grande baraccone di ignoranti. Vista l’inverificabilità delle ipotesi che si possono fare in merito, senza spingersi a giustificare (in maniera plausibile) l’errore, la cortesia intelligente chiede indulgenza: è un errore che capita piuttosto di frequente, e non richiede di corprirsi il capo di cenere, assunzioni di colpa ufficiali. La sua rilevanza è infima, anche se lo fa un ministro. Anche se è brutto e sciocchino.

La nota di ringraziamento al comune di Cremona.

Sono stata onorata di essere stata invitata qui nel comune di Cremona città di cultura, di musica, di futuro.

Si tratta di una nota di ringraziamento, scritta a mano. La ministra ha qui voluto esprimere il suo sentimento (umano o istituzionale): si è sentita onorata d’essere statata invitata a Cremona, grande città di grandi cittadini. Anche in questo caso, apriti cielo, “La Fedeli ci ricasca”, “La ministra che non sa la grammatica colpisce ancora”. Invece no. Troppa attenzione a queste minuzie, troppo rinforzo positivo sul fatto che è bello e giusto bacchettare la ministra porta a esagerare. “Sono stata onorata di essere stata invitata qui” significa “Mi sono sentita onorata di essere stata invitata qui”. Non c’è errore. Magari non è la frase più liscia ed elegante ch’io abbia mai letto, magari avrei detto “Mi sento onorato di essere stato invitato a Cremona” per rimarcare che l’onore sentito al momento dell’invito perdura.

Parlare dei congiuntivi di Di Maio, della ministra Fedeli e di centinaia di altri politici non porta da nessuna parte. Si vede l’errore, si fa notare l’errore e avanti: di rado concentrarsi sull’ortografia schiude una visione critica d’insieme. E peraltro, fra una giusta correzione e il bullismo il passo è breve breve. Anche perché si parla di politica: la sostanza da criticare non manca mai, vogliamo davvero guardare la pagliuzza più della trave?

Fonte: E se gli errori linguistici della ministra Fedeli non fossero così rilevanti?

Acquistare pneumatici online : consigli

Acquistare pneumatici online : consigli

È ormai risaputo che sono moltissimi i prodotti sui quali è possibile risparmiare acquistando online. Quello a cui si presta un po’ meno attenzione è però la ricerca dei migliori siti e delle offerte con un miglior rapporto qualità – prezzo per evitare che cogliere un’occasione super vantaggiosa sul Web si trasformi poi in un’autentica fregatura.

 

Per moltissimi italiani, l’idea di fare acquisti online abbraccia ormai numerose categorie merceologiche. Secondo recenti studi effettuati sul fenomeno del commercio elettronico, è emerso che sono uomini e donne dai 18 ai 65 anni, in egual misura, ad effettuare sul Web un tipo di acquisto inaspettato: quello degli pneumatici.

 

Acquistare pneumatici online permette infatti non solo di risparmiare, uno degli aspetti maggiormente considerati quando si decide di optare per un acquisto virtuale, ma anche di avere a disposizione una gamma di prodotti spesso molto più vasta di quella presente presso un rivenditore fisico. E con tutta la comodità di effettuare l’acquisto comodamente seduti in poltrona e senza alcun tipo di stress.

 

Sebbene acquistare pneumatici online di ogni tipo e a prezzi vantaggiosi sia ormai una pratica come abbiamo visto largamente diffusa e che continua a riscuotere particolare successo nel vasto mondo dell’e-commerce, è molto importante affidarsi unicamente a rivenditori autorizzati seri.

 

Chi decide di acquistare pneumatici online deve quindi fare attenzione ad una serie di elementi di fondamentale importanza quali: la possibilità di reso (possibilmente gratuito), garanzia sull’acquisto, garanzia di idoneità, customer service disponibile, pagamenti sicuri e tracciabili e la possibilità di richiedere che la merce sia inviata al proprio gommista di fiducia per procedere più rapidamente all’installazione del nuovo treno di gomme.

 

Un altro consiglio particolarmente interessante per chi decide di acquistare pneumatici online riguarda la data di fabbricazione delle gomme. Molto spesso, infatti, siti che ad un primo colpo d’occhio ci appaiono affidabili potrebbero spingere una vendita fin troppo conveniente. Nulla di strano a priori ma è importante sapere che in alcuni casi gli pneumatici con dei ribassi troppo vistosi potrebbero essere abbastanza vecchi e compromettere, quindi, la sicurezza della nostra auto.

 

Per evitare questo inconveniente quando decidete di acquistare pneumatici online, prima di confermare l’ordine prestate attenzione al cosiddetto numero DOT delle gomme scelte. Se, ad esempio, leggete la dicitura “DOT 1517” saprete che quegli pneumatici sono stati fabbricati nella quindicesima settimana dell’anno 2017. In questo modo potrete fare tutte le valutazioni del caso e capire se vale o meno la pena di acquistarli.

Figli a carico: il limite di reddito sale a 4.000 euro per gli under 24 anni

Figli a carico: il limite di reddito sale a 4.000 euro per gli under 24 anni

Il Governo nella Legge di Bilancio 2018 ha approvato l’ampliamento dei requisiti per lo status di figli a carico: reddito fino a 4.000 euro per gli under 24 anni. Per tutti gli altri figli e per i familiari a carico il limite di reddito resta di 2.840,51 euro per anno d’imposta (anno solare).

L’innalzamento del limite di reddito per gli under 24 anni è stato introdotto da un comma della Legge di Bilancio, più precisamente un’integrazione al comma 2 dell’art. 12 del TUIR che disciplina il diritto alle detrazioni per carichi di famiglia.

Nello specifico, l’ampliamento dei limiti di reddito non riguarda tutti i familiari del contribuente, ma solo i figli di età non superiore a 24 anni ed il relativo diritto alla detrazione per figli a carico, ivi compreso l’agevolazione fiscale per famiglie numerose con almeno 4 figli. La disposizione normativa entrerà in vigore dal 1 gennaio 2019 e non dal 2018, come da più parti richiesto.

Con questa misura, il Governo estende il diritto alle detrazioni per figli a carico in favore dei lavoratori contribuenti anche in presenza di un reddito del figlio:

  • di età non superiore a 24 anni;
  • e che non supera i 4.000 euro di reddito annuo.

Si tratta di un ampliamento del limite reddituale che è di 2.840,51 euro.

Fino al 31 dicembre 2018, infatti, visto che la nuova normativa sullo status di figlio a carico entra in vigore il 1 gennaio 2019, il TUIR, all’art. 12 comma 2, consente di fruire delle detrazioni fiscali per carichi di famiglia in presenza di un reddito dei figli (ma anche degli altri familiari a carico) non superiore a 2.840,51 euro lordi dal punto di vista fiscale (non lordo dal punto di vista previdenziale).

L’aumento della soglia di reddito entro la quale è possibile beneficiare delle detrazioni per figli a carico, che passa da 2.840,51 euro a 4.000 euro, è sicuramente una buona notizia per i lavoratori contribuenti alle prese con la percezione dello stipendio calcolato anche sulla base delle detrazioni per reddito da lavoro dipendente e sulla base delle detrazioni per familiari a carico, ma resta limitata l’applicazione solo in favore di coloro che hanno figli a carico di età non superiore a 24 anni.

Per i figli di età superiore a 24 anni, la detrazione è sempre spettante fino ad un reddito complessivo di 2.840,51 euro.

L’ampliamento dello status di figlio a carico per under 24 anni è valido anche per la detrazione per famiglie numerose, ossia le famiglie con almeno 4 figli a carico. Anche in questo caso, come vedremo, nel caso di figli di età non superiore a 24 anni, il nuovo limite di reddito passerà dal 2019 a 4.000 euro in luogo dei 2.840,51 euro previsti dalla normativa fino al 31 dicembre 2018.

Come cambia lo status di figlio a carico.

La novità è che il comma 144-bis della Legge di Stabilità stabilisce che “All’articolo 12, comma 2, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, relativo alle detrazioni per carichi di famiglia, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Per i figli di età non superiore a ventiquattro anni il limite di reddito complessivo di cui al primo periodo è elevato a 4.000 euro». E il comma 144-ter ne rimanda l’applicazione al 2019: “La disposizione di cui al comma 144-bis acquista efficacia a decorrere dal 1° gennaio 2019”.

La detrazione per figli a carico nel 2018 non cambia, ma in realtà non cambia neanche dal 1 gennaio 2019.

La differenza sta nel fatto che un figlio è considerato a carico (status di familiare a carico per il diritto alle detrazioni fiscali)

  • nel 2018 se percepisce un reddito complessivo “non superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili”;
  • dal 2019 se percepisce un reddito complessivo non superiore a 4.000 euro, al lordo degli oneri deducibili, se di età non superiore a 24 anni. In caso contrario, ossia di figlio di età superiore a 24 anni, il limite di reddito per il diritto alle detrazioni fiscali resta 2.840,51 euro.

La nuova normativa sullo status di familiare a carico.

La Legge di Bilancio 2018 cambia quindi la disposizione normativa relativa allo status di familiare a carico, introducendo un status di figlio a carico under 24 anni.

Il nuovo comma 2 dell’art. 12 del TUIR è il seguente

“2. Le detrazioni di cui ai commi 1 e 1-bis spettano a condizione che le persone alle quali si riferiscono possiedano un reddito complessivo, computando anche le retribuzioni corrisposte da enti e organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, nonché quelle corrisposte dalla Santa Sede, dagli enti gestiti direttamente da essa e dagli enti centrali della Chiesa cattolica, non superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

Per i figli di età non superiore a ventiquattro anni il limite di reddito complessivo di cui al primo periodo è elevato a 4.000 euro”.

Quest’ultima parte è una normativa che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2019.

Come funziona la detrazione per figli a carico.

Si tratta di una detrazione molto importante inserita per lo più nel calcolo dell’imposizione fiscale nelle buste paga degli italiani.

Come abbiamo visto, dalla Legge di Bilancio 2018 viene inserito un periodo ulteriore al comma 2 dell’art. 12 del TUIR.

Le detrazioni per carichi di famiglia e nello specifico la detrazione per figli a carico, disciplinate dal comma 1 dell’art. 12 del TUIR, restano le stesse. Cambia infatti solo il limite di reddito per applicarle.

La detrazione per figli a carico, generalmente richiesta dai lavoratori attraverso la presentazione del modulo detrazioni fiscali, ai sensi del comma 1, lettera c) dell’art. 12 del TUIR è la seguente

“Art. 12 – Detrazioni per carichi di famiglia:
Dall’imposta lorda si detraggono per carichi di famiglia i seguenti importi:c) 950 euro per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi o affidati. La detrazione è aumentata a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni.

Le predette detrazioni sono aumentate di un importo pari a 400 euro per ogni figlio portatore di handicap ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. 

Per i contribuenti con piu’ di tre figli a carico la detrazione e’ aumentata di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo.

La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 95.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 95.000 euro.

In presenza di piu’ figli, l’importo di 95.000 euro è aumentato per tutti di 15.000 euro per ogni figlio successivo al primo. La detrazione è ripartita nella misura del 50 per cento tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato.

In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, la detrazione spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario.

Nel caso di affidamento congiunto o condiviso la detrazione e’ ripartita, in mancanza di accordo, nella misura del 50 per cento tra i genitori. Ove il genitore affidatario ovvero, in caso di affidamento congiunto, uno dei genitori affidatari non possa usufruire in tutto o in parte della detrazione, per limiti di reddito, la detrazione e’ assegnata per intero al secondo genitore. Quest’ultimo, salvo diverso accordo tra le parti, e’ tenuto a riversare all’altro genitore affidatario un importo pari all’intera detrazione ovvero, in caso di affidamento congiunto, pari al 50 per cento della detrazione stessa.

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione compete a quest’ultimo per l’intero importo. Se l’altro genitore manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non e’ coniugato o, se coniugato, si e’ successivamente legalmente ed effettivamente separato, ovvero se vi sono figli adottivi, affidati o affiliati del solo contribuente e questi non e’ coniugato o, se coniugato, si e’ successivamente legalmente ed effettivamente separato, per il primo figlio si applicano, se più convenienti, le detrazioni previste alla lettera a);

La detrazione per famiglie numerose con almeno 4 figli.

Come abbiamo visto, la nuova normativa sullo status di figlio a carico con età non superiore a 24 anni, che consente il diritto alle detrazioni per figli a carico con un reddito fino a 4.000 euro, anziché 2.840,51 euro per anno d’imposta, si applica anche alla detrazione per famiglie numerose disciplinata dal comma 1-bis dell’art. 12 del TUIR, che ora riportiamo

“1-bis. In presenza di almeno quattro figli a carico, ai genitori e’ riconosciuta un’ulteriore detrazione di importo pari a 1.200 euro. La detrazione e’ ripartita nella misura del 50 per cento tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati. In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, la detrazione spetta ai genitori in proporzione agli affidamenti stabiliti dal giudice. Nel caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione compete a quest’ultimo per l’intero importo”.

Pertanto anche le famiglie con almeno 4 figli a carico, possono godere dell’agevolazione fiscale per i figli under 24 anni, purché non superino un reddito complessivo di 4.000 euro dal 1 gennaio 2019.

Fonte: Figli a carico: il limite di reddito sale a 4.000 euro per gli under 24 anni

Gomorra, Narcos, The Wire: quando la politica litiga con le fiction

Gomorra, Narcos, The Wire: quando la politica litiga con le fiction

Uno spettro di aggira per Napoli: lo spettro di “Gomorra – La serie“. Da giorni quotidiani, televisioni, radio, sui social, persino nei bar e nelle tombolate tra amici non si fa che tentare di dirimere la questione: può una serie televisiva influenzare i giovani e spingerli a diventare dei criminali? Secondo il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, la faccenda sta esattamente in questi termini: “Mi preoccupa molto l’emulazione che diversi ragazzi fanno nell’imitare i personaggi negativi, come se diventassero positivi o simpatici. La sera dopo la serie aumentano anche le stese”.

Dal punto di vista statistico, l’affermazione del primo cittadino partenopeo non ha ricevuto alcun riscontro da parte delle forze dell’ordine, eppure tanto è bastato perché la querelle si sviluppasse incontrollata, creando fazioni molto nette pro e contro Gomorra, l’opera letteraria di Roberto Saviano trasposta prima al cinema, poi in teatro e infine in televisione. Anzi, ricominciasse. Perché sin dall’inizio della sua messa in onda su Sky nel 2015, la fiction ha scatenato dibattiti infuocati sulla rappresentazione che darebbe della città di Napoli, fornendone a seconda dei sostenitori dell’una o dell’altra parte una visione negativa e dannosa, oppure realistica e corretta, col conseguente invio al rogo di secoli di estetica letteraria.

Eppure non è la prima volta che il successo di pubblico di una fiction provoca un acceso dibattito sulla sua ricezione tra le masse. Due i casi più clamorosi, dovuti all’impatto planetario che hanno avuto e al successo di critica: “The Wire” ambientata nella città di Baltimora negli Stati Uniti e “Narcos” ispirata alla vicenda di Pablo Escobar in Colombia. Casi diversi ma entrambi basati su fatti storici acclarati e ambientati in contesti sociali attraversati da profonde dinamiche criminali che, nonostante le diversità del caso, possono essere accomunati a quelli della serie nostrana. Entrambe le serie hanno dovuto subire l’accusa di spettacolarizzare il crimine e di mostrare solo il volto negativo della realtà che intendevano rappresentare, finendo dunque per scontrarsi in alcuni casi con la politica e con rappresentanti delle Istituzioni.

Il caso The Wire: le due Baltimora.

“The Wire” è una serie televisiva statunitense prodotta da HBO e trasmessa negli Stati Uniti dal 2002 al 2008. Cinque stagioni scritte magistralmente da David Simon e Ed Burns, al punto che nella classifica stilata da Writers Guild of America la serie occupa la nona posizione tra le migliori di sempre, mentre gran parte della critica americana la considera unanimemente quella che ha cambiato per sempre il modo di fare serialità aprendo al concetto di antologia, poi assunta da ben più famose ficiton (almeno nel nostro Paese) come “True Detective”.

“The Wire” è un racconto duro, realistico e spietato della società americana nel suo rapporto con il crimine legato al traffico della droga, mostra i legami tra povertà, l’indotto del commercio della droga, la fine della classe operaia americana, le istituzioni, l’educazione, i mass-media ed è interamente ambientata a Baltimora, città di medie dimensioni nel Maryland che ha un numero di omicidi sette volte maggiore della media nazionale, seconda solo a Detroit.

Ogni stagione si concentra su un aspetto differente di Baltimora: il traffico di droga, il porto, la burocrazia e l’amministrazione cittadina, il sistema scolastico e l’apparato dei media. Proprio la rappresentazione della città nella serie ha causato più di qualche dibattito che ha coinvolto gli autori, gli attori, i produttori della serie e i governanti della città americana, nonostante l’enorme consenso di pubblico e di critica. Qualche tempo fa, infatti, su un articolo apparso su The Guardian, Kurt Schmoke, sindaco di Baltimora per dodici anni, ha scritto in un articolo intitolato programmaticamente “The Wire and the real Baltimore”

Per quelli di noi che vivono a Baltimora la nostra più grande lamentela su The Wire è che non riflette il fatto che la nostra è in effetti una storia di due città. Lo spettatore occasionale dello spettacolo non capirebbe che Baltimora è la patria di musei eccezionali, di importanti università, istituti di ricerca medica di livello mondiale, invitanti attrazioni turistiche e belle comunità residenziali. Ciò che lo spettatore vedrebbe e ciò che The Wire espone è la realtà dell ‘”altra” Baltimora. Questo è il lato della città che è segnato da case vuote, ostacolato da un sistema scolastico pubblico povero e afflitto da una concentrazione di povertà che porta a livelli elevati di abuso di droghe e crimine violento. Questi due Baltimora coesistono in un’area relativamente piccola a soli 40 miglia dalla capitale delle nazioni, Washington DC.

Come sindaco di Baltimora, Schmoke è stato particolarmente importante, perché oltre a essere il primo sindaco della città di colore, durante il suo mandato è stata attuata una politica di depenalizzazione delle droghe molto controversa, raccontata anche dalla fiction. Ai tempi in cui era primo cittadino, Schmoke aveva avviato programmi in materia di alloggi, istruzione, sanità pubblica e sviluppo economico, alcune delle sue posizioni includevano la difesa della depenalizzazione del consumo di droga e l’impiego di guardie di sicurezza della Nazione dell’Islam in un progetto di edilizia abitativa.

Più o meno le medesime critiche mosse di recente a “Gomorra – La serie” da parte di alcuni magistrati impegnati nella lotta alla criminalità e alla mafia, come Giuseppe Borrelli, Federico Cafiero de Raho e Nicola Gratteri, sono state avanzate anni fa dalla polizia di Baltimora, nella persona del suo principale referente Frederick H. Bealefeld, il quale addirittura si spinse a desiderare che la serie somigliasse di più a un’altra fortunata fiction televisiva, CSI, nella sua versione Miami e New York.

The Wire una è macchia su questa città che richiederà decenni per essere cancellata. Sapete invece cosa viene fuori di Miami col suo show sulla criminalità? Vengono fuori detective che assomigliano a modelli e guidano auto sportive. E sapete cosa emerge nella versione di New York? Emergono procuratori incredibilmente intelligenti, poliziotti competenti che risolvono i casi più incredibili. Invece, con “The Wire” ciò che viene fuori di Baltimora è l’idea che si tratti di una città piena di disperazione, degrado e disfunzione.

Le accuse a Narcos: “Mitizza Pablo Escobar”

Se tutto sommato in Italia “The Wire” ha raggiunto un modesto successo, per quanto riguarda la fiction che racconta l’ascesa e la caduta dell’impero criminale di Pablo Escobar, l’impatto è stato decisamente diverso. Meno amata dai critici e dagli intellettuali come la serie ambientata nel Maryland, “Narcos” ha ricevuto diverse accuse in Colombia, innanzitutto quella inerente il linguaggio dei personaggi. Gran parte dei dialoghi nella fiction sono in spagnolo, ma il cast è stato scelto quasi tutto in altri paesi del Nord e del Sudamerica, il che ha finito per creare un guazzabuglio di accenti.

Il personaggio basato sulla moglie di Escobar è interpretato da Paulina Gaitán, una messicana, mentre il fidato Gonzalo Rodríguez Gacha da Luís Guzmán, che è portoricano. Il rivale di Esobar, Jorge Ochoa, è interpretato da André Mattos, che è brasiliano. Come brasiliano è lo stesso Escobar, interpretato da Warner Moura, che usa un accento chiaramente non colombiano, imperdonabile per il pubblico madrelingua.

Non solo questioni linguistiche costituiscono il fronte di accuse a “Narcos”. Su internet sono presenti diversi articoli che accusano la serie, colpevole di aver dileggiato la storia colombiana. Articoli come “Cinque ragioni per smettere di vedere Narcos” o “Nove motivi per odiare Narcos” imperversano in rete. L’accusa principale, simile a quella che in “Gomorra” viene fatta in riferimento alle figure di Ciro Di Marzio e Genny Savastano, riguarda la presunta mitizzazione dei criminali, considerato che Escobar fu responsabile di oltre tremila morti.

Secondo diversi media colombiani, poi, il confronto è da farsi  proprio con “The Wire”. In cinque serie, sostengono i critici di “Narcos”, la fiction su Baltimora ha davvero raccontato gran parte del marcio di Baltimora, mentre c’è da chiedersi se, ad esempio, la prima stagione di “Narcos” ha aiutato gli spettatori a capire la politica profondamente complessa della Colombia. Insomma, paese che vai, usanza che trovi per criticare la fiction.

Ma nemmeno in Colombia poteva mancare l’intervento della politica. Escobar ha aperto a Medellín una ferita che ancora non si è rimarginata, e tra quelli che ne sono convinti c’è il sindaco della città, Federico Gutiérrez. Il mese scorso Gutiérrez ha annunciato che intende fare abbattere l’edificio Mónaco, una palazzina in uno dei quartieri più esclusivi della città che fu a lungo la residenza della famiglia Escobar e che è diventata negli anni il simbolo del terrore del narcotrafficante e il fulcro dei pellegrinaggi in suo onore.

Lo scorso settembre, inoltre, in occasione della visita di Papa Francesco, lo stesso primo cittadino si è scagliato contro un titolo de El Mundo, uno dei giornali più influenti del pianeta, reo di aver intitolato un articolo “Francesco nella patria dei narcos”, ricordando il passato oscuro della città con il traffico di droga e Pablo Escobar. Tanto è bastato affinché il sindaco di Medellin decidesse di uscire allo scoperto e difendere la città, chiedendo al giornale spagnolo di rettificare quel titolo dannoso per l’immagine della città

È giusto chiamare “il paese dei narcotrafficanti” un paese di quasi 50 milioni di abitanti? La Colombia non è la patria dei narcotrafficanti. Ribadisco: riconosciamo il nostro passato. Ma siamo un paese che guarda con fierezza al futuro. Siamo un paese di lavoratori e di brave persone.

Fonte: Gomorra, Narcos, The Wire: quando la politica litiga con le fiction

Trattenuta sulle pensioni nei mesi di gennaio e febbraio 2018

Trattenuta sulle pensioni nei mesi di gennaio e febbraio 2018

L’Inps ha diramato una circolare relativa al rinnovo delle pensioni, delle prestazioni assistenziali e di accompagnamento alla pensione per l’anno 2018, contenente una buona notizia relativa all’aumento dell’1,1%, ma nella stessa circolare ha annunciato una trattenuta sulle pensioni nei mesi di gennaio e febbraio 2018 per un conguaglio negativo di perequazione dell’anno 2015 pari allo 0,1%. Il recupero era stato rimandato di un anno dalla Legge di Stabilità e poi dalla legge n. 19 del 2017. Ma ora diventa effettivo.

Il recupero è dello 0,1% sulla pensione annua lorda. Per intenderci, un pensionato con 1.000 euro lordi mensili, avendo una pensione annua lorda di 13 mila euro, riceverà un recupero di 13 euro, trattenuto in due mesi, a gennaio e febbraio 2018.

Nella circolare n. 186 del 2017 viene annunciato appunto un recupero del conguaglio di perequazione dell’anno 2015.     

Il testo della circolare: “Com’è noto, la percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle prestazioni previdenziali e assistenziali per l’anno 2014 è stata determinata, dal 1° gennaio 2015, nella misura definitiva pari a +0,2%, a fronte della misura provvisoria dello 0,3%.

Pertanto, in sede di conguaglio di perequazione effettuato per il successivo anno 2016, il differenziale è risultato pari a -0,1.

Considerato l’indice di rivalutazione provvisoria fissato in misura pari a zero per l’anno 2016, la legge di stabilità 2016 ha differito al 2017 il recupero del conguaglio di perequazione (art. 1, c. 288, della legge 28 dicembre 2015, n. 208).

Per la stessa motivazione, la legge n. 19/2017 ha ulteriormente differito al 1°gennaio 2018 il recupero del debito di perequazione riferito all’anno 2015 (art. 3, c. 3-sexies).

Per l’anno 2018, dato l’indice di rivalutazione provvisoria pari all’1,1% il differenziale di perequazione viene recuperato in sede di conguaglio per l’anno precedente, con le seguenti modalità:

  • in unica soluzione sulla mensilità di gennaio per gli importi fino a 6 euro;
  • in due rate di pari importo sulle mensilità di gennaio e febbraio per i conguagli di importo superiore a 6 euro.

Gli importi posti a recupero per ciascun soggetto sono consultabili nell’applicazione dedicata disponibile sul sito intranet dell’Istituto al seguente percorso:

“Assicurato pensionato”>” Servizi al pensionato>“ Procedure di gestione delle pensioni”>“Consultazione conguagli per perequazione 2015 sospesi”.

Pertanto coloro che hanno una pensione inferiore a 6.000 euro lordi annui, riceveranno la trattenuta fino a 6 euro nel solo mese di gennaio. I pensionati che hanno una pensione annua lorda superiore a 6.000 euro lordi annui, riceveranno la trattenuta dello 0,1% della pensione annua in due rate di pari importo, nella rata di pensione di gennaio e febbraio 2018.

Fonte: Trattenuta sulle pensioni nei mesi di gennaio e febbraio 2018

Natale: che differenza c’è fra fare un regalo e fare un dono?

Natale: che differenza c’è fra fare un regalo e fare un dono?

Incontriamo l’amica per un caffè. E lei, sorridente, caccia fuori un pacchettino: “buon Natale!” Così il Natale ci mette davanti a uno dei costumi antropologicamente più importanti: uno scambio che è riconoscimento di un legame, sia per chi dà sia per chi riceve.

Presente.

Non è una parola che si usa spesso. E ha una sfumatura non troppo schietta: infatti è un sostantivo che nasce dall’essere presente. In altri termini, col presente che faccio, ricordo la mia presenza. Ricordati di me, ti ho pensato, ti ho dato qualcosa. Sottinteso frequente: mi aspetto altro in cambio.

Strenna.

Parola antichissima, che probabilmente i Latini presero dai Sabini. In origine era il regalo che ci si scambiava in occasione di festività religiose. E ancora oggi si tratta di un dono che viene fatto o ricevuto in occasione di festività particolari, di ricorrenze annuali. Classicamente, si parla di strenne nei rapporti fra datori di lavoro e dipendenti, o fra commercianti e clienti, ma ovviamente possono dirsi strenne anche i regali che ci si fanno reciprocamente fra parenti, amici e colleghi. Però il colore resta quello di una consuetudine comandata.

Regalo.

Questa parola, forse la più usata per descrivere l’oggetto di cui parliamo, la prendiamo dallo spagnolo, e in origine descriveva i doni che i sudditi facevano al re. Nel regalo troviamo così un dono rispettoso, di riconoscimento, a volte un po’ adulatorio ma che non vuole essere una mera circostanza. Ha una consistenza, un peso, è un gesto che ripassa il contorno di un rapporto. Qui si inizia a vedere un dare che non chiede altro in cambio.

Pensiero.

Lo chiamiamo così quando ha poco valore. Diventa perfino un ‘pensierino’. Giusto un’inezia, che però è qualcosa di importante. Perché questo pensiero, questo fatto che abbiamo pensato a qualcuno, e che vogliamo dare concretezza al pensiero di cura con un oggetto fisico, rende reale e vero un rapporto. Potremmo dire che è un regalo simbolico: ebbene, il simbolo porta significato. Il pensiero-dono sa essere per una relazione quello che il significato è per la parola. Anche quando non possiamo o non è opportuno spendere grandi risorse per un regalo, il pensiero è ciò che basta a riconoscere il rapporto, e il suo valore.

Dono.

Questo è il massimo. Ed è il massimo per la sua semplicità, esatta, senza implicazioni e sbavature. Infatti il donum latino appartiene alla famiglia del dare. Schiude la base della reciprocità, uno scambio gratuito, che si apre al fuori da noi. Tanto che spesso ciò che doniamo trascende un valore economico. Diventa navicella di alleanza, di amicizia, di tributo sentito: nel dono la porta dell’altro si schiude, e spiega che cosa noi siamo insieme.

Sarebbe bello, a Natale e non solo, dare e ricevere non presenti o strenne, non semplici regali o brevi pensieri, ma doni. Perché già solo a pensarlo come dono, il gesto dello scambio, sotto l’albero o ovunque, prende tutto un altro senso.

Fonte: Natale: che differenza c’è fra fare un regalo e fare un dono?

Istat: In calo il numero dei pensionati

Istat: In calo il numero dei pensionati

In calo il numero dei pensionatiNel 2016 i pensionati sono circa 16,1 milioni e percepiscono in media 17.580 euro lordi, 257 euro in più rispetto all’anno precedente. E’ quello che emerge dal rapporto “Condizioni di vita dei pensionati” pubblicato oggi(21 dicembre) dall’Istat. Tra il 2015 e il 2016 il numero di pensionati scende di 115 mila unità: i nuovi pensionati, ovvero quelli che hanno iniziato a percepire una pensione nel 2016, sono infatti meno numerosi dei pensionati cessati, quelli cioè che nello stesso periodo hanno smesso di percepire trattamenti pensionistici.

I redditi dei nuovi pensionati sono mediamente inferiori a quelli dei cessati(15.024 euro contro 16.673 euro) e a quelli dei pensionati sopravviventi(17.675 euro), percettori cioè di trattamenti sia nel 2015 sia nel 2016 che, nel corso del pensionamento, possono aver cumulato ulteriori pensioni(spesso di reversibilità) rispetto a quella con cui sono entrati nello stato di pensionamento. Il calo nel numero dei pensionati si osserva per tutte le tipologie pensionistiche, ad eccezione delle pensioni sociali e di invalidità civile. In termini assoluti, le diminuzioni più rilevanti si riscontrano tra i pensionati di vecchiaia(quasi 94 mila in meno), tra quelli di invalidità previdenziale(circa 57 mila in meno) e tra i superstiti(quasi 29 mila in meno). Sono in aumento i pensionati sociali(+5 mila circa) e quelli d’invalidità civile(+52 mila). Le donne pensionate sono il 52,7% del totale e ricevono importi annuali medi inferiori di circa 6.000 euro rispetto agli uomini, anche se la forbice tende a ridursi.

Crescono, invece, le differenze geografiche: l’importo medio delle pensioni del Nord-est supera del 18,2% quello delle pensioni del Mezzogiorno(era il 17,3% nel 2015), quasi il doppio rispetto al divario dell’8,8% del 1983(primo anno per cui i dati sono disponibili). Le ritenute fiscali incidono per il 18,9%(+0,3% rispetto al 2014); l’aliquota media si attesta al 21,6% per i pensionati di vecchiaia e anzianità, al 18% per quelli di reversibilità e al 12,8% per i beneficiari di trattamenti d’invalidità ordinaria o indennitari. In molti casi il reddito pensionistico sembra proteggere da situazioni di forte disagio economico. Nel 2015 l’incidenza delle famiglie a rischio di povertà tra quelle con pensionati(16,5%) è sensibilmente inferiore a quello delle altre famiglie(24,2%). Il rapporto dell’Istat ci fa capire che il problema dell’Italia non sono le pensioni in generale, ma i pensionati d’oro. Non possiamo più permetterci di mantenere gente che percepisce una pensione superiore ai 3 mila euro al mese.

Fonte: Istat: In calo il numero dei pensionati

Scoperte 300 rocce scolpite nell’Età della Pietra risalenti a 5mila anni fa

Scoperte 300 rocce scolpite nell’Età della Pietra risalenti a 5mila anni fa

Sono state ritrovate in un campo a Bornholm, in Danimarca, località chiamata “l’Isola del sole” dai turisti danesi che sono soliti affollarla d’estate, trecento rocce antichissime scolpite con incisioni. Secondo gli esperti, gli archeologi danesi avrebbero ritrovato queste misteriose rocce, risalenti a cinquemila anni fa. La superficie delle strutture, alcune in pessime condizioni, è stata scolpita con motivi circolari, raggi e segni che lasciano immaginare antichi riti propiziatori.

Le rocce presentano diversi aspetti comuni. Sono tutte di forma circolare e le incisioni sembrano in molti casi evocare il motivo di raggi che partono da un centro. Poche altre rocce sono di forma quadrata e lasciano pensare a rappresentazione di sementi, come in un culto propiziatorio della fertilità della terra.

Nonostante l’alta probabilità che si tratti di rocce su cui sono state disegnate elementi volti a favorire dei riti propiziatori, gli esperti danesi confidano ai media di ritrovarsi davanti a un mistero difficile da risolvere, quando si chiedono e studiano la possibile origine delle rocce e il significato delle incisioni decorative. Anche gli esperti provenienti da Copenaghen concordano sul mistero, infatti il capo degli archeologi del  museo di Bornholm,  Finn Ole Sonne Nielsen ha dichiarato

Al momento è impossibile capire e sapere esattamente qual era la loro funzione, molte delle rocce sono estremamente lise, consumate, come se la gente di allora ci avesse spesso camminato sopra. In ogni caso, l’area di Vasagard dove sono state scoperte già ci aveva dato tracce e indizi dell’esistenza sul posto allora di una struttura sociale dell’età della pietra. Da tempo sapevamo dell’esistenza millenni fa di quelle che chiamiamo rocce “solari”, ma queste pietre scoperte in un campo costituiscono una scoperta totalmente nuova, solo ieri ne abbiamo trovate altre quattro, e quelle con ragnatele come decorazione sono per noi archeologi una novità assoluta, finora non sapevamo che esistessero.

Fonte: Scoperte 300 rocce scolpite nell’Età della Pietra risalenti a 5mila anni fa

Gli aspetti positivi della raccolta differenziata

Gli aspetti positivi della raccolta differenziata

La raccolta differenziata è un metodo attraverso il quale è possibile dare nuova vita ai rifiuti, che vengono sottoposti a dei particolari trattamenti grazie ai quali si possono realizzare nuovi oggetti da utilizzare. La raccolta differenziata consente di contrastare in modo efficace il crescente problema legato allo smaltimento e alla eccessiva produzione di rifiuti.Uno dei vantaggi maggiori è come è stato già detto prima riuscire a riutilizzare i rifiuti, come la carta, la plastica, l’umido.

Quanti rifiuti produciamo?

 Ogni persona è un produttore di rifiuti, da recenti studi è emerso ad esempio che ogni individuo utilizza circa 30 kg di plastica ogni anno, che se non riciclata attraverso una corretta e attenta raccolta differenziata, si trasforma in spazzatura da smaltire e in inquinamento ambientale. Per capire l’importanza della raccolta differenziata basta pensare che grazie ad esempio al riciclo del vetro è possibile risparmiare nell’arco di un anno circa 400.000 tonnellate di petrolio. Le grandi metropoli sono le maggiori produttrici di rifiuti, proprio per questo da anni sono state realizzate delle importanti campagne di sensibilizzazione ed educazione dei cittadini riguardo l’importanza di separare con cura ogni categoria di rifiuto e gettarlo negli appositi contenitori. Nella capitale sono presenti numerose aziende che si occupano della gestione dei rifiuti a Roma come ad esempio Nova Ecologica, che grazie alla presenza di personale altamente qualificato e una gestione professionale, sono un ottimo alleato per attuare la politica del riciclo dei materiali.

Il concetto di rifiuto in natura

In natura il concetto di rifiuto non esiste, proprio perchè la Terra è in grado di smaltire in modo del tutto naturale tutti i rifiuti che vengono prodotti. Per contrastare la crescente produzione di rifiuti e il loro conseguente smaltimento, basta semplicemente realizzare prodotti che possano essere facilmente assorbiti naturalmente dell’ambiente terminato il loro ciclo di vita. Un altro rimedio è cercare di produrre meno quantità di rifiuti e soprattutto far in modo che gli oggetti o i beni che utilizziamo durino il più possibile. Di seguito sono riportati alcuni dati utili dai quali è facilmente comprensibile l’importanza e l’efficacia della raccolta differenziata.

  • E’ possibile riuscire a risparmiare l’utilizzo di circa 3.500 tonnellate di petrolio, riciclando 1.000 tonnellate di plastica.
  • E’ possibile produrre una tonnellata di carta riciclata utilizzando 1.800 litri di acqua e 2.700 Kwh di corrente elettrica, invece per realizzare una tonnellata di carta vergine è necessario utilizzare 15 alberi, 440.000 litri di acqua e 7.600 Kwh di energia elettrica.

Bici elettrica: 5 cose da considerare prima dell’acquisto

Bici elettrica: 5 cose da considerare prima dell’acquisto

Acquistare una bici elettrica può sembrare complicato: sono diversi i fattori da valutare, soprattutto se il vostro scopo è acquistare una bici da utilizzare quotidianamente. Gli errori sono sempre dietro l’angolo: per ovviare ciò, vi sveleremo cosa si deve necessariamente considerare nel momento in cui si acquista una bici elettrica.

1. Valutate il peso

Una bici elettrica ha un peso differente rispetto a quella tradizionale, in quanto detiene un motore e una batteria nella sua struttura. Se avete intenzione di comprare una bici elettrica ma non avete un fisico possente, valutate la grandezza e il peso della vostra bici. Non optate per modelli troppo pesanti (superiori cioè a 25 kg): potrebbero vanificare la vostra pedalata e scaricare facilmente la vostra batteria.

2. Pensate al tipo di bicicletta che preferite

Esistono diverse tipologie di bici elettriche: ci sono quelle pieghevoli, le mountain bike ecc.. Di solito si sceglie la propria bici elettrica in relazione alla destinazione d’uso: ad esempio, se avete intenzione di utilizzarla in città, allora l’ideale è una e-bike di modello base, non troppo impegnativa nella pedalata e allo stesso tempo benefica per l’attività fisica.

C’è un ulteriore aspetto da considerare: le bici tradizionali possono diventare elettriche grazie ad un kit di elettrificazione da integrare al telaio del mezzo. Il costo è molto più basso rispetto alla e-bike in pronta consegna e le prestazione del mezzo sono pressoché identiche.

3. Valutate il tipo di batteria

La bici elettrica necessita di una batteria. Quella più utilizzata è a litio. Informatevi sulla durata dell’ autonomia cercando di capire quante ricariche si possono fare. È consigliabile scegliere un tipo di batteria che permette di percorrere dai 50 km in su, anche se in mercato esistono bici elettriche con un’autonomia anche maggiore.

4. Considerate il tipo di motore

Esistono diverse tipologie di motore, con potenze altrettanto differenti. Vanno, infatti, dai 100 ai 4000 watt. È importante sapere che le bici con un motore dalla potenza superiore ai 250 watt non possono circolare liberamente su strada, ma andrebbero immatricolate seguendo tutte le annesse procedure burocratiche.

5. Non dimenticate il prezzo

Le bici elettriche hanno un prezzo a volte non così economico. Per questa ragione è fondamentale considerare il budget di cui disponete. Se la disponibilità economica è limitata, potete scegliere di orientarvi sull’acquisto di una bici tradizionale e provvedere a elettrificarla attraverso un kit per bici elettriche da comprare separatamente. Per fare ciò, basta affidarsi ai negozi specializzati ed il gioco è fatto!

Glorie di carta, in mostra i disegni più prestigiosi dell’antica arazzeria Barberini

Glorie di carta, in mostra i disegni più prestigiosi dell’antica arazzeria Barberini

Si intitola “Glorie di carta. Il disegno degli arazzi Barberini“, mostra a cura di Maurizia Cicconi e Michele Di Monte, che apre oggi 20 dicembre 2017 e andrà avanti fino al 22 aprile 2018 presso le Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma a Palazzo Barberini. All’interno del percorso museale, un’intera sala sarà dedicata all’allestimento dei cartoni preparatori per le più importanti serie di arazzi realizzate dalla fabbrica impiantata a Roma nel 1627 dalla famiglia Barberini. Nello stesso periodo il Ritratto di Clemente XIII e Ritratto di Don Abbondio Rezzonico saranno prestati alla mostra Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento in programma a Roma, ai Musei Capitolini.

In mostra tre cartoni preparatori, ciascuno appartenente a uno dei cicli che ritraggono le Storie di Costantino, la Vita di Cristo e le Storie di Urbano VIII. Le serie prescelte sono le più importanti delle sette volute dal cardinal Francesco e prodotte dall’arazzeria Barberini, lungo un arco di circa cinquant’anni di attività. I cartoni, che escono per la prima volta dai depositi dopo vent’anni, costituiscono un’occasione irripetibile per conoscere una delle più fastose committenze della famiglia, ancora poco nota al grande pubblico.

Sebbene la tecnica della tessitura ad arazzo abbia origini antichissime, nel Seicento divenne strumento di ostentazione dello status sociale delle famiglie altolocate: possedere un’arazzeria era segnale di grande prestigio e ricchezza. Grandi pittori e artisti dell’epoca erano chiamati a dipingere il disegno preparatorio dell’arazzo: è il caso del ciclo con le Storie di Costantino, alla cui intera ideazione sovrintese Pietro da Cortona.

La serie della Vita di Cristo (composta di 12 grandiosi arazzi, di cui le Gallerie Nazionali Barberini Corsini posseggono 8 cartoni) è opera di Giovan Francesco Romanelli, e viene rappresentata in mostra dalla Natività, mai esposta al pubblico fino ad ora. Il ciclo di arazzi con la Vita di Urbano VIII, progettato dalla scuola di Pietro da Cortona, era destinato a decorare il grande salone di Palazzo Barberini. In mostra anche il Ritratto di Urbano VIII di Pietro da Cortona, in prestito dai Musei Capitolini, e la Visita di Urbano VIII al Gesù (1642-1643) di Andrea Sacchi, Jan Miel e Antonio Gherardi, esposta l’ultima volta negli anni Ottanta del Novecento.

Fonte: Glorie di carta, in mostra i disegni più prestigiosi dell’antica arazzeria Barberini

Un pupazzo di neve che non si scioglie mai: si chiama Snowman e ha da poco compiuto 30 anni

Un pupazzo di neve che non si scioglie mai: si chiama Snowman e ha da poco compiuto 30 anni

in foto: Snowman, l’opera d’arte di Fiscli e Weiss, compie trent’anni.

Si tratta della prima opera d’arte conservata da decenni in un frigorifero: il suo nome è Snowman, ed è il primo pupazzo di neve ad essere giunto alla veneranda età di trent’anni. Si tratta di una vera e propria opera d’arte, realizzata nel 1987 da Peter Fischli e David Weiss, e oggi esposta al Museo d’Arte Moderna di San Francisco. Un pezzo unico, che da trent’anni sopravvive a qualsiasi tipo di temperatura.

Il pupazzo è stato “costruito” su una base di rame rivestita da una pasta di stagno, in modo che il colore rossastro del metallo non traspaia. Il congelatore, divenuto una vera e propria casa per Snowman, è dotato di una tecnologia di refrigerazione in grado di far resistere il pupazzo a tutte le condizioni climatiche.

Il pupazzo di neve fu realizzato alla fine degli anni Ottanta per poi essere esposto a Saarbrücken, in Germania, nel 1990, davanti ad una centrale elettrica. Dopo il successo della prima esposizione, il pupazzo è stato adattato e reso capace di viaggiare e sopravvivere a tutte le temperature: da allora viaggia in tutto il mondo, passando per New York, Chicago e l’assolata San Francisco dove si trova ora.

Natura e tecnologia.

Molti critici d’arte, all’epoca in cui il pupazzo di neve veniva presentato la prima volta, lessero l’opera come una critica nemmeno tanto velata al riscaldamento globale. In realtà i due artisti hanno sempre precisato che, anche se potrebbe essere interpretato come una metafora della crisi climatica, in realtà l’opera è stata commissionata e realizzata per mostrare la nostra costante dipendenza dalla tecnologia.

Per questo la scelta dei due artisti è caduta su un oggetto che non può sopravvivere da solo: il pupazzo di neve ha costantemente bisogno dell’elettricità che raffredda la teca per sopravvivere, proprio come noi abbiamo necessità di trarre beneficio dalla tecnologia: si tratta di un’opera che vuole sottolineare la contraddizione tra natura e sviluppo tecnologico, entrambi ormai necessari all’uomo per la sua sopravvivenza.

Il sodalizio artistico di Fichli/Weiss

Conosciuti come Fischli/Weiss, i due artisti hanno collaborato dal 1979 al 2012, anno in cui David Weiss è deceduto. Una delle loro opere più famose è “Der Lauf der Dinge”, un visionario film post-apocalittico in cui svariati oggetti volano e si schiantano al suolo con effetti speciali. Hanno partecipato alla Biennale di Venezia nel 1995 e nel 2003, anno in cui si aggiudicano il Leone d’Oro, e le loro opere sono esposte nei musei di New York e di Londra.

Fonte: Un pupazzo di neve che non si scioglie mai: si chiama Snowman e ha da poco compiuto 30 anni

Street Art, nasce il primo museo di arte urbana aumentata: dalla strada allo smartphone

Street Art, nasce il primo museo di arte urbana aumentata: dalla strada allo smartphone

in foto: Nasce il MAUA, il Museo di Arte Urbana Aumentata.

L’arte c’è e si vede: non solo, diventa qualcosa di nuovo e diverso appena i visitatori posano gli occhi su di essa. Accade a Milano, dove è stato appena inaugurato il Museo di Arte Urbana Aumentata: un’area espositiva a cielo aperto dove la street art prende vita, uscendo dalle pareti e arrivando dritta sugli smartphone dei visitatori.

Il MAUA è stato inaugurato domenica 17 dicembre con il primo tour guidato, che ha attraversato le periferie di Milano alla ricerca delle cinquanta opere di street art selezionate per la straordinaria apertura. Numerosi sono i quartieri coinvolti nel progetto: Giambellino-Lorenteggio, Adriano-Padova-Rizzoli, Corvetto-Chiaravalle-Porto di Mare, Niguarda-Bovisa e QT8-Gallaratese, con l’obiettivo di riscoprire, attraverso l’arte urbana, anche le zone marginali e poco conosciute della città.

La street art in una semplice app

Partecipare è molto semplice: si sceglie il percorso preferito e, una volta arrivati sul posto, tutto si svolge in modo digitale: inquadrando con lo smartphone l’opera di street art che ci si trova davanti questa “prende vita”, trasformandosi in un lavoro di digital art grazie ad un’apposita app scaricabile dal Play Store.

Le opere sono state sviluppate da 50 animatori designer, e non solo per strada: inquadrando il catalogo di MAUA, edito da Terre di Mezzo, è possibile vedere le animazioni in realtà aumentata. Il progetto, realizzato a partire dalla collaborazione di Bepart, BASE Milano, Avanzi – Sostenibilità per azioni e Terre di Mezzo, ha richiesto un’importante e cospicua fase di sviluppo realizzata nei mesi di settembre e ottobre: grazie alla partecipazione degli abitanti, di studenti e associazioni dei quartieri è stato possibile realizzare la più grande mappatura della street art a Milano, con 218 opere raccolte e altrettanti tour. Le opere sono state fotografate e raccolte in quello che ora compone il primo percorso in realtà aumentata dedicato alla street art.

Fonte: Street Art, nasce il primo museo di arte urbana aumentata: dalla strada allo smartphone

Taglio delle pensioni d’oro. Scontro Renzi Di Maio

Taglio delle pensioni d’oro. Scontro Renzi Di Maio

Matteo Renzi e Luigi Di MaioLe pensioni d’oro sono sempre al centro del dibattito politico quando all’orizzonte ci sono le elezioni. In campagna elettorale tutti propongono tagli ma poi nessuno mette in pratica questo punto del programma. Una domanda sorge spontanea: quanto farebbe risparmiare un taglio delle pensioni d’oro?

Una cifra è stata data da Luigi Di Maio in un’intervista a “Radioanch’io” su Radio Rai 1. Il candidato premier del Movimento 5 Stelle ha dichiarato: “Le cosiddette pensioni d’oro peserebbero per 12 miliardi di euro, e grazie alla loro abrogazione si potrebbe cominciare a abolire la legge Fornero”. Huffington Post ha fatto un fact-checking delle dichiarazioni di Di Maio. Per ottenere un risparmio di 12 miliardi di euro bisognerebbe tagliare gli assegni dal valore medio pari a 2.500-2.600 euro mensili. Peccato che viene considerata pensione d’oro chi percepisce un assegno dal valore superiore ai 3.000 euro mensili. In questo caso il risparmio sarebbe di 9,6 miliardi di euro all’anno. Se invece prendiamo coloro che ricevono un assegno superiore ai 5.000 euro il costo è di 1,8 miliardi di euro, meno del 10% di quanto afferma Di Maio.

La proposta del candidato premier del M5S ha fatto andare su tutte le furie Matteo Renzi. Il segretario del Partito Democratico ha dichiarato: “Per chi conosce i numeri del Bilancio dello Stato, significa tagliare le pensioni a chi prende 2.300 euro al mese. Vi sembra una pensione d’oro? A me no”. Questa è la solita fake news di Renzi, ma il vero scoop è un altro. La cifra di 12 miliardi di euro è stata menzionata dallo stesso Renzi nella puntata di “Porta a Porta” del 3 dicembre 2013. All’epoca, Renzi era in piena campagna elettorale per le primarie della segreteria del PD. Il 9 settembre 2014, sette mesi dopo essere diventato premier, ritorna da Bruno Vespa per rimangiarsi tutto: “Credo che suscitare il panico nel mondo pensionistico per ottenere 100 milioni di euro sia un errore”. Questo è Renzi, un politico che propone fuffa e si sputtana da solo. Nella puntata del primo febbraio 2015 di “Presa Diretta” Riccardo Iacona e la sua “squadra” hanno parlato della fuffa di Renzi sul taglio delle pensioni d’oro.

La fuffa di Matteo Renzi sul taglio delle pensioni d’oro. Video tratto dalla puntata di #PresaDiretta del 01/02/2015

Pubblicato da Maxso Magazine su Martedì 3 febbraio 2015

Fonte: Taglio delle pensioni d’oro. Scontro Renzi Di Maio

Gelicidio: che cos’è e perché se ne parla

Gelicidio: che cos’è e perché se ne parla

Gelicidio non è una parola nuova. Il suffisso –cidio siamo abituati a collegarlo ad un’uccisione, ma ha un doppio valore. Può derivare dal latino caedo ‘uccidere’ oppure cado ‘cadere’, come in questo caso e nel caso dello stillicidio (il cadere goccia a goccia). Ora, in latino il termine gelicidium significava la brinata, la gelata, semplice composto di gelu ‘gelo’ e cado ‘cadere’. Difatti nell’italiano antico e letterario ha dei significati piuttosto generici, come ‘gelo’, ‘gelata’ e ‘inverno’. In particolare, però, dal XIV secolo diventa quel fenomeno atmosferico che si manifesta nella formazione di uno strato di ghiaccio sopra oggetti e piante lasciati alle intemperie. Modernamente questa osservazione si è affinata, e così il gelicidio descrive il fenomeno in maniera più compiuta non solo nei suoi effetti, ma nelle cause.

Il nome gelicidio viene infatti usato per descrivere sia il fenomeno della pioggia soprafusa sia quello della pioggia congelantesi. Per pioggia soprafusa si intende la pioggia le cui gocce, pur avendo una temperatura inferiore allo zero, non ghiacciano in aria: è un fenomeno che avviene quando le gocce sospese sono molto piccole e imperturbate, per cui la sola tensione superficiale dell’acqua le ripara dal congelamento. Ma diventano ghiaccio quando cadono al suolo, istantaneamente. La pioggia congelantesi è invece pioggia con una temperatura superiore allo zero, che però, impattando con oggetti che hanno una temperatura inferiore allo zero, diventa subito ghiaccio. Il risultato è simile: una patina ghiacciata (il vetrone), molto pericolosa per la vegetazione e per i veicoli (specie gli aerei).
Quindi, se leggiamo sul giornale del rischio gelicidio, leggiamo di un pericolo atmosferico molto preciso.

Da questo semplice grafico possiamo desumere che mentre l’interesse circa l’argomento del gelicidio (in rosso) è naturalmente stagionale, la curiosità su questa parola (in blu) trova oggi un picco senza precedenti. Eppure, abbiamo visto, si tratta di una parola non recente. La ragione di questo nuovo interesse merita qualche ipotesi.
Ebbene, possiamo intuire che questa ragione stia giusto nel suffisso –cidio. Ha la stessa forma di quel –cidio che nelle parole composte significa un’uccisione. E il fatto che sia impiegato nella formazione di parole molto calde e che non mancano di sollevare un certo polverone (una su tutte, femminicidio), titilla la fantasia e la polemica. Il primo pensiero davanti al gelicidio infatti è: parliamo dei morti causati dal gelo? Siamo arrivati a volere una parola che abbia questo significato? Il politicamente corretto troverà mai un argine? Datemi una testiera che mo’ mi scandalizzo in pubblico. E invece no, falso allarme. La curiosità pruriginosa viene scornata nella limpida meraviglia del clima.

Fonte: Gelicidio: che cos’è e perché se ne parla